Seguici sui Social

Politica

“Caro Nello, se non ora quando?”. Di Nardo tentato dalla candidatura per il dopo-Cimmino

L’ex senatore dipietrista tirato per la giacchetta dai fedelissimi: le prossime amministrative sono “l’ultimo treno” per lui

Pubblicato

il

“Caro Nello, se non ora quando?”. E’ più o meno questo il tenore dell’invito dei fedelissimi a Nello Di Nardo, l’ex senatore coordinatore di Forza Italia a Castellammare. Il dopo-Cimmino, alla guida del centrodestra stabiese, potrebbe essere rappresentato proprio dall’ex deputato di Italia dei Valori. Difficile riuscire a ricavare un posto tra gli scranni di Montecitorio e Palazzo Madama, anche in virtù della riduzione dei parlamentari a partire dalle prossime elezioni politiche. Tra due anni sarebbe l’ultimo “treno” per Di Nardo per candidarsi e indossare per la prima volta la fascia tricolore, dopo una lunga carriera a Roma.

Dalla sua potrebbe contare comunque sull’appoggio di Gaetano Cimmino, d’altronde ci è rimasto vicino fino all’ultimo momento prima dello scioglimento. E con l’ex sindaco ormai fuori dai giochi, potrebbe esserci spazio proprio per Nello Di Nardo. Bisogna fare i conti anche con la Lega e con Fratelli d’Italia, che sarebbero tentati di proporre un proprio candidato. D’altronde i due partiti sovranisti ne escono abbastanza bene dallo scioglimento, lo stesso non si può dire per Forza Italia di cui Di Nardo è coordinatore cittadino.

Daniele Di Martino

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.