Seguici sui Social

Politica

Castellammare, Vozza tuona: «Si cerca di spostare l’attenzione con faziose ricostruzioni, scioglimento fatto grave»

L’ex fascia tricolore stabiese interviene sullo scioglimento del consiglio comunale

Pubblicato

il

Vozza


Castellammare di Stabia. «Lo scioglimento del consiglio comunale per infiltrazioni camorristiche è un fatto grave, io continuamente tirato in ballo per sviare l’attenzione su quanto accaduto». A scriverlo sui social è Salvatore Vozza, ex Sindaco di Castellammare di Stabia. L’esponente di sinistra interviene su indiscrezioni stampa che lo riportano candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative che non si celebreranno prima del 2024 dopo il lungo commissariamento. «Stamattina – scrive Vozza – mi trovo addirittura candidato» qui «Si tenta di spostare l’attenzione della città verso altro, si tenta di far schierare i cittadini per creare un clima da tifoserie che non tiene conto della città, delle sue aspettative, delle sue ansie, dei suoi bisogni. Lo scioglimento del Consiglio Comunale di Castellammare di Stabia rappresenta un fatto grave».

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, notificata al consiglio comunale la sospensione. In settimana arriva il Prefetto, ipotesi ricorso

Sul futuro politico della città c’è molta incertezza. Si attende l’arrivo del decreto di scioglimento e la relazione con all’interno le motivazioni ma soprattutto le modalità di gestione del comune dall’amministrazione Cimmino sciolta. Sotto la lente di ingrandimento sono finiti appalti, parentele, concorsi, permessi edilizi e infine piano urbanistico comunale. Ed è proprio tra questi che qualcosa non è andato tanto da portare il Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, a chiedere ed insistere sullo scioglimento del consiglio comunale dieci giorni fa.

LEGGI ANCHE:
Castellammare. Piano casa, puc e interventi urbanistici nella relazione prefettizia

«In queste occasioni – prosegue Vozza – la prudenza dovrebbe invogliare tutti prima di dare giudizi, di avventurarsi in strane e faziose ricostruzioni dei fatti, dei periodi presi in esame, di aspettare le motivazioni che hanno portato allo scioglimento. Motivazioni che rappresenteranno un elemento essenziale per chiarire responsabilità dalle quali nessuno di noi potrebbe sottrarsi, per fare un ragionamento sulla città, su quanto accaduto e su come si affrontano due lunghi anni di commissariamento: Castellammare non voterà prima del 2024. Anni in cui la città non può perdere le occasioni di sviluppo e restare ferma». Emilio D’Averio

 


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Politica

La Lega incontra il commissario e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino

Il partito di Salvini anticipa tutti e si infila a Palazzo Farnese: “Pronto un piano sicurezza per la città”

Pubblicato

il


E’ il primo partito a incontrare la commissione prefettizia. La Lega mette la prima bandierina e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino. Questa mattina il partito di Salvini è stato ricevuto dal vice commissario Passerotti, a Palazzo Farnese. Una rappresentanza formata dal segretario cittadino Casimiro Donnarumma, la segretaria provinciale Tina Donnarumma, l’ex funzionario comunale Franco Ilardi e l’ex consigliere comunale Antonio Alfano.

“Abbiamo evidenziato alcune problematiche quali sicurezza del territorio, viabilità, piano traffico, implementazione parcheggi, turismo e decoro urbano – annuncia Casimiro Donnarumma – Abbiamo ricevuto un fattivo riscontro, a margine del confronto la Commissione ha dichiarato che sarebbe in dirittura di arrivo la presentazione, l’approvazione e l’applicazione di un piano di sicurezza della città con nuove ed innovative tecniche di video sorveglianza”.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica