Seguici sui Social

Politica

Castellammare, notificata al consiglio comunale la sospensione. In settimana arriva il Prefetto, ipotesi ricorso

Notificato ai consiglieri comunali il decreto di sospensione. In settimana arriva il super Prefetto, si attende la relazione del Ministero: ipotesi ricorso al Tar

Pubblicato

il

Castellammare


Castellammare di Stabia. Si è conclusa nella tarda mattinata di oggi la consegna del provvedimento di sospensione del consiglio comunale così come disposto dal Prefetto Palomba, in via cautelare in attesa dell’iter procedurale del decreto di scioglimento del Presidente della Repubblica.

Gli agenti della polizia municipale hanno bussato  in mattinata alle porte dell’ormai ex sindaco Gaetano Cimmino e degli ormai ex consiglieri comunali, sia di maggioranza che di opposizione, notificando l’atto trasmesso dalla Prefettura di Napoli.

LEGGI ANCHE: 
Raffaele Cannizzaro, un super Prefetto alla guida di Palazzo Farnese

E’ previsto, inoltre, in settimana l’arrivo della triade prefettizia guidata dal super prefetto Raffaele Cannizzaro (vicari Mauro Passerotti Rosa Valentino). L’insediamento molto probabilmente avverrà già nella giornata di lunedì. La triade commissariale avrà al contempo i poteri che prima erano del Sindaco, della Giunta Comunale e del Consiglio Comunale per almeno diciotto mese e non sono da escludere eventuali proroghe.

Nella stessa giornata il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella firmerà il decreto di scioglimento così come deliberato dal Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. Successivamente sarà pubblicata parte della relazione che ha portato al provvedimento dei Governo mentre parte del contenuto resterà top secret. Sulla base di questa relazione gli ex inquilini di Palazzo Farnese potranno decidere se fare o meno ricorso al Tar chiedendo l’impugnazione del provvedimento. Una relazione minuziosa e dettagliata di circa duecento pagine (oltre allegati) che potrebbe portare ad un ulteriore terremoto politico a distanza di pochi giorni dallo scioglimento per infiltrazioni camorristiche decretato per la prima volta nella storia della città. emidav

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, Cimmino: «Ho onorato il mio ruolo. Qualcosa è stato sottovalutato»


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Politica

La Lega incontra il commissario e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino

Il partito di Salvini anticipa tutti e si infila a Palazzo Farnese: “Pronto un piano sicurezza per la città”

Pubblicato

il


E’ il primo partito a incontrare la commissione prefettizia. La Lega mette la prima bandierina e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino. Questa mattina il partito di Salvini è stato ricevuto dal vice commissario Passerotti, a Palazzo Farnese. Una rappresentanza formata dal segretario cittadino Casimiro Donnarumma, la segretaria provinciale Tina Donnarumma, l’ex funzionario comunale Franco Ilardi e l’ex consigliere comunale Antonio Alfano.

“Abbiamo evidenziato alcune problematiche quali sicurezza del territorio, viabilità, piano traffico, implementazione parcheggi, turismo e decoro urbano – annuncia Casimiro Donnarumma – Abbiamo ricevuto un fattivo riscontro, a margine del confronto la Commissione ha dichiarato che sarebbe in dirittura di arrivo la presentazione, l’approvazione e l’applicazione di un piano di sicurezza della città con nuove ed innovative tecniche di video sorveglianza”.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica