Seguici sui Social

Cronaca

Ex Meridbulloni, i commissari prefettizi incontrano le organizzazioni sindacali

I commissari hanno garantito l’impegno rispetto agli importanti presidi industriali del territorio, a partire da Fincantieri e la ex-Meridbulloni

Pubblicato

il

Meridbulloni

Castellammare di Stabia. I commissari straordinari della città di Castellammare di Stabia hanno incontrato gli ex lavoratori della Meridbulloni ormai fuoriusciti dal ciclo produttivo. Le tute blu avevano organizzato un sit-in davanti al palazzo della Prefettura chiedendo di essere ricevuti dall’assessore regionale al Lavoro. Questa mattina l’incontro a Palazzo Farnese con Raffaele Cannizzaro, Mauro Passerotti e Rosa Valentino con le Organizzazioni Sindacali CGIL, CISL e UIL, rappresentate dai sindacalisti Torelli, Vitagliano e Di Donna.

«Con i sindacati – si legge in una nota – è stata condivisa la volontà di costruire un rapporto di collaborazione nel rigoroso rispetto dei rispettivi ruoli. Tra gli argomenti trattati si evidenziano in particolare i progetti del PNRR e del nascente Contratto Istituzionale di Sviluppo, i beni confiscati, le terme, l’igiene ambientale, il settore socio-sanitario». I commissari hanno garantito l’impegno rispetto agli importanti presidi industriali del territorio, a partire da Fincantieri e la ex-Meridbulloni. La Commissione ha anticipato che sulle singole questioni, comprese quelle legate all’ente, si svolgeranno incontri specifici e che verranno approfondite le questioni relative al ruolo di Responsabile unico del Contratto d’Area. In chiusura, il Prefetto Cannizzaro ha annunciato che il Comune di Castellammare di Stabia parteciperà alla manifestazione in memoria delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera per il prossimo 21 marzo a Napoli, con il proprio gonfalone.


Clicca per commentare

Rispondi

Cronaca

Domani allerta meteo, forti temporali e rischio frane

Pubblicato

il

Meteo-

La Protezione Civile della Regione, ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali anche di forte intensità su tutta la Campania  dalle 6 di domani mattina, domenica 25 settembre, alle 6 di lunedì 26 settembre, su tutta la Campania.

Il livello di criticità idrogeologica e Idraulica è:

 Arancione sui settori centro-settentrionali e, in particolare, sulle zone 1, 2, 3 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Alto Volturno e Matese; Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini) con temporali di forte intensità e un conseguente rischio idraulico e idrogeologico diffuso anche con possibili frane, colate rapide di fango, caduta massi, instabilità di versante, allagamenti, voragini.

Giallo su tutto il resto della regione, ma con temporali che in ogni caso potrebbero essere intensi e un conseguente rischio idrogeologico localizzato con possibili frane e caduta massi in territori particolarmente fragili, possibili allagamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

La Protezione Civile della Regione Campania raccomanda agli enti competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni previsti in ordine al rischio idrogeologico per forti temporali, in linea con i rispettivi Piani comunali.

Si segnala altresì la possibilità di fulmini.  Prestare attenzione ai successivi avvisi della Protezione Civile.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy