Seguici sui Social

Cronaca

L’ Asl Na 3 Sud presenta un’ app contro le dipendenze dei giovani dalla rete

Dipendente il 53% dei ragazzi del territorio e il 23% a rischio

Pubblicato

il

dipendenze

Il 53% dei giovani del territorio dell’Asl Na3 Sud è dipendente dalla rete. Un dato allarmante al quale rispondono Asl Napoli 3 Sud, “Cooperativa Primavera”- ente capofila-, Fondazione Fanelli, i Comuni di Castellammare di Stabia e Sant’Antonio Abate, in partnership, nel progetto ”Dico a te”, dedicato alle dipendenze dai social, mediante un’app che i giovani potranno tenere sul cellulare per chiedere aiuto, porre domande e avere consigli. Il piano, finanziato dalla Fondazione ”Con il Sud”, è stato presentato in una conferenza stampa nei giorni scorsi dal direttore dell’Asl, Gaetano D’Onofrio, dalla coordinatrice del progetto dottoressa Carolina Esposito e dai rappresentanti dei Comuni partner.

Della durata di trenta mesi l’intervento si rivolge ai ragazzi dai 13 ai 24 anni e prevede anche laboratori digitali e uno sportello di consulenza. Un sito internet e un blog permetteranno una costante informazione sui temi del web, tra rischi e opportunità, diretta a studenti, insegnanti e scuole. Uno sportello altamente qualificato si occuperà di quei ragazzi le cui problematicità sono tali da richiedere una diagnosi e una terapia di cura. La dottoressa Carolina Esposito, coordinatrice del progetto, ha descritto l’isolamento sociale dei ragazzi, sempre più diffuso: «Giovani che si chiudono in una stanza e non vogliono più uscire. Sono sintomi aggravati dall’emergenza Covid e cosi’ avendo la rete come unico contatto con l’esterno i rischi aumentano”. Condivide la preoccupazione il direttore sanitario D’Onofrio: “Siamo in presenza di un fenomeno sempre più esteso». Infatti, durante la conferenza stampa è stato detto che della percentuale del 53 per cento dipendente già dalla rete sul territorio dell’Asl Napoli 3 Sud, il 23% ne fa un uso apertamente rischioso.


Clicca per commentare

Rispondi

Cronaca

Domani allerta meteo, forti temporali e rischio frane

Pubblicato

il

Meteo-

La Protezione Civile della Regione, ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali anche di forte intensità su tutta la Campania  dalle 6 di domani mattina, domenica 25 settembre, alle 6 di lunedì 26 settembre, su tutta la Campania.

Il livello di criticità idrogeologica e Idraulica è:

 Arancione sui settori centro-settentrionali e, in particolare, sulle zone 1, 2, 3 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Alto Volturno e Matese; Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini) con temporali di forte intensità e un conseguente rischio idraulico e idrogeologico diffuso anche con possibili frane, colate rapide di fango, caduta massi, instabilità di versante, allagamenti, voragini.

Giallo su tutto il resto della regione, ma con temporali che in ogni caso potrebbero essere intensi e un conseguente rischio idrogeologico localizzato con possibili frane e caduta massi in territori particolarmente fragili, possibili allagamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

La Protezione Civile della Regione Campania raccomanda agli enti competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni previsti in ordine al rischio idrogeologico per forti temporali, in linea con i rispettivi Piani comunali.

Si segnala altresì la possibilità di fulmini.  Prestare attenzione ai successivi avvisi della Protezione Civile.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy