Seguici sui Social

Cronaca

Piano del Parco dei Monti Lattari. Incontro coi sindaci del territorio per discutere delle linee guida

Il Parco dei Monti Lattari al lavoro per il nuovo Piano

Pubblicato

il

Monti Lattari


Un incontro preliminare per confrontarsi sui criteri di pianificazione, le modalità e le opportunità di valorizzazione, i recenti sviluppi scientifici e tecnologici e casi studi di successo del Parco dei Monti Lattari.

Nella sede del Parco, alla presenza del presidente Tristano dello Ioio e della presidente della Fondazione Monti Lattari ONLUS Mariella Verdoliva, sindaci e rappresentanti dei comuni che aderiscono al Parco, hanno fatto il punto della situazione discutendo, soprattutto, delle infrastrutture quale volano di sviluppo del territorio.

«Rappresenta un’opportunità per questo territorio di area vasta che comprende straordinarie bellezze paesaggistiche di cui noi dobbiamo prendercene cura. Questo piano rappresenta lo strumento e il mezzo attraverso cui mettere in campo occasioni di sviluppo, uno sviluppo che parte dal basso coinvolgendo tutti i cittadini degli stakeholders e delle attività produttive» le parole del sindaco di Agerola, Tommaso Naclerio.
«Dare delle certezze e linee guida alle quali attenersi. Mi aspetto che chi sta a monte di tutte queste norme ci dia mano libera per cercare di attuare o di mettere in piedi strategie di utilizzo dei nostri territori in modo consono ed in linea con i sindaci e le amministrazioni comunali” le parole di Francesco Amatruda sindaco di Tramonti. «Si è trattato di un incontro importante: Gragnano crede molto in questo nuovo piano del parco. Siamo un paese ricco di eccellenze soprattutto enogastronomiche e ci poniamo come parte attiva in questo progetto che vuole portare avanti il Parco» ha commentato Francesco Scala, consigliere comunale delegato dal Comune di Gragnano.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Castellammare. Strisce blu, sui parcometri la foto della Cassarmonica

Dopo il caso segnalato da Stabia News al posto di Amalfi e Capri arriva la foto della Cassarmonica

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. La Tmp, società che si occupa della gestione della sosta a pagamento in città, corre ai ripari e sostituisce con la Cassarmonica le immagini di Capri e Amalfi sui display dei parcometri. Dopo il caso segnalato da StabiaNews.it, che suscitò non poche polemiche che si aggiunsero anche quelle relative all’aumento dei costi, la società ha cambiato lo sfondo con una foto del monumento tra i simboli della città di Castellammare di Stabia.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, strisce blu: protesta dei residenti a Via Napoli

Non mancano i disagi ai fruitori delle strisce blu. In pratica non è possibile pagare la frazione di ora, è solo possibile pagare ogni singola ora. Quindi si può versare solamente 1 euro per un ora o 3 euro per due ore e così a seguire ogni due euro per ogni singola ora. Non è possibile, ad esempio, versare 4 euro per due ore e mezza. Sul display compare la dicitura “importo errato” annullando di fatto la transazione. Gli importi consentiti dunque, stando a quanto emerge recandosi alle colonnine, sono 1 euro (1 ora), 3 euro (2 ore), 5 euro (3 ore) e così via. Disagi anche ai commercianti costretti a spiegare agli avventori il nuovo sistema di pagamento della sosta in città.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare. Strisce blu anche a Pozzano: confermato l’aumento del grattino in centro città

 

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica