Seguici sui Social

Politica

Scioglimento, inchiesta dell’Antimafia sul Comune: tremano i politici

Fari dell’Antimafia accesi sul comune, un’ inchiesta in corso e top secret fa tremare i politici cittadini

Pubblicato

il

Scioglimento


Castellammare di Stabia. Un’inchiesta dell’Antimafia su politici che hanno frequentato le stanze del potere cittadino negli ultimi anni. E’ il dettaglio che emerge dalle cinquanta pagine della relazione di accompagnamento al decreto di scioglimento del Consiglio Comunale condita di omissis. Un aspetto che fa tremare la politica cittadina, ci sarebbe infatti una relazione top secret proprio della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli che sarebbe stata inoltre determinante per lo scioglimento in Consiglio dei Ministri. L’attenzione dell’Antimafia su Castellammare di Stabia è sempre stata alta solo tuttavia dal 2017 si sono accesi i riflettori quando l’allora sindaco Antonio Pannullo denunciò al pm della Dda Cimmarotta «il fiato sul collo della camorra» alcune settimane prima di essere mandato a casa. Dichiarazioni pesanti che portarono l’allora primo cittadino ad essere ascoltato dai carabinieri e in Commissione Parlamentare Antimafia.

LEGGI ANCHE:
L’ex sindaco Pannullo: «Sono rimasto solo dopo aver denunciato la camorra» | L’INTERVENTO

Per la Dda di Napoli è «univoco e coerente il collegamento dell’amministrazione comunale con la criminalità organizzata che domina storicamente il territorio» ma non solo. Anche «l’apparato amministrativo ha collegamenti con la criminalità. Particolarmente rilevante, quale indice di permeabilità assoluta, è per la Procura la gestione dei beni confiscati, con false relazioni della Polizia Municipale in relazione alla verifica dei beni immobili». Dello stesso parere anche il Procuratore Capo del Tribunale di Torre Annunziata Nunzio Fragliasso così come emerge dalla relazione di accompagnamento del Prefetto di Napoli Palomba dal quale emerge che ci sono «indagini pendenti, alcune delle quali ancora non rivelabili, fanno emergere un quadro generale di opacità e permeabilità dell’Amministrazione a fenomeni corruttivi, oltre che alla criminalità organizzata». emidav

LEGGI ANCHE: La fotografia impietosa del Prefetto: “Collegamenti diretti con la camorra in consiglio”


Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Pingback: Scioglimento, nella relazione appalti per oltre mezzo milione di euro a ditte amiche dei politici | Stabia News

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Politica

La Lega incontra il commissario e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino

Il partito di Salvini anticipa tutti e si infila a Palazzo Farnese: “Pronto un piano sicurezza per la città”

Pubblicato

il


E’ il primo partito a incontrare la commissione prefettizia. La Lega mette la prima bandierina e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino. Questa mattina il partito di Salvini è stato ricevuto dal vice commissario Passerotti, a Palazzo Farnese. Una rappresentanza formata dal segretario cittadino Casimiro Donnarumma, la segretaria provinciale Tina Donnarumma, l’ex funzionario comunale Franco Ilardi e l’ex consigliere comunale Antonio Alfano.

“Abbiamo evidenziato alcune problematiche quali sicurezza del territorio, viabilità, piano traffico, implementazione parcheggi, turismo e decoro urbano – annuncia Casimiro Donnarumma – Abbiamo ricevuto un fattivo riscontro, a margine del confronto la Commissione ha dichiarato che sarebbe in dirittura di arrivo la presentazione, l’approvazione e l’applicazione di un piano di sicurezza della città con nuove ed innovative tecniche di video sorveglianza”.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica