Seguici sui Social

Politica

Piano casa, arriva il via libera della Regione: «E’ ancora applicabile»

Franco Cascone: «I Comuni della zona 7 del Put non avranno problemi»

Pubblicato

il

Il Piano casa è ancora applicabile, nonostante la pronuncia della Corte Costituzionale. E’ quanto emerso da un incontro in Regione con i sindaci dell’area dei Monti Lattari, a seguito del quale Palazzo Santa Lucia produrrà una circolare in cui dà il via libera al piano casa.

Ad annunciarlo è Franco Cascone, vicesindaco di Santa Maria la Carità, molto attento ai temi urbanistici e di sviluppo dei territori dei Monti Lattari. Anche Castellammare, che ricade sempre nella zona 7 del Put, potrebbe beneficiarne di questo chiarimento.

«Ieri mattina si è svolto un importante momento di confronto tra Amministrazioni Comunali e Regione Campania sul tema Piano Casa – spiega Franco Cascone – I comuni di Gragnano, Angri, Santa Maria La Carità e Sant’Antonio Abate hanno richiesto ed ottenuto un confronto con l’ente regionale per discutere degli effetti della sentenza della Corte Costituzionale n. 261/2021 circa l’applicabilità della Legge Regionale sul Piano Casa nella zona territoriale 7 del PUT che perimetra gran parte dei territori dei suddetti comuni. Alla conference call sono intervenuti, oltre ai Sindaci e agli assessori all’urbanistica dei comuni interessati, il Consigliere Regionale Luca Cascone, l’assessore all’Urbanistica arch. Bruno Discepolo, l’arch. Romeo Gentile dirigente del settore urbanistica, l’avv. Celotto del settore avvocatura. Attraverso tale confronto è stato raggiunto l‘importante risultato di chiarire che, nei nostri territori dei comuni individuati come zona territoriale 7 del Put, è ancora applicabile il Piano Casa».

«Tale posizione, come confermato dalla Regione Campania, si basa sul fatto che la sentenza della Corte Costituzionale n. 261/2021 non ha interessato la legge regionale 16/2014 che continua a produrre i suoi effetti – prosegue il vicesindaco di Santa Maria la Carità – Si tratta di un grande risultato in quanto il Piano Casa rappresenta in primis un mezzo di contrasto alla crisi economica oltre che la valorizzazione del Patrimonio Edilizio esistente. Un altro importante aspetto da non sottovalutare è legato alla tutela dei livelli occupazionali che ne deriva e alla riqualificazione di aree urbane degradate. Al termine della call la Regione si è impegnata ad emanare un’apposita circolare esplicativa che sancisca la legittimità dell’applicazione del Piano Casa nelle zone summenzionate. Ottenere questo straordinario risultato è la mission che ci siamo posti da tempo per cercare di dare respiro ai nostri #territori e alla nostra gente rimasta ingabbiata in questo dubbio normativo. Essere al servizio dei territori è dovere della politica e di noi amministratori locali», conclude Cascone.

dadimar


Clicca per commentare

Rispondi

Politica

ELEZIONI | Reddito di Cittadinanza, proposta di Nora Di Nocera: “Va implementato”

La candidata al Senato per il centrosinistra: “Mantenere una parte del sussidio anche dopo aver trovato lavoro”

Pubblicato

il

“Il redddito di cittadinanza va implementato e va mantenuto anche dopo aver trovato un lavoro”. E’ la proposta di Nora Di Nocera, candidata per il centrosinistra al Senato per il collegio di Castellammare-Torre, in vista delle elezioni del 25 settembre.

“Il reddito di cittadinanza è una misura sacrosanta che va salvaguardata ed implementata. Il rdc, inoltre, ha permesso a tanti italiani di beneficiare di un reddito in un momento molto complicato per l’intero Paese che ha attraversato la crisi economica e sociale derivante dalla pandemia da Covid – spiega la candidata – Del resto, la storia ci dice che è stato il Partito Democratico ad aver introdotto tale misura come reddito di inclusione, poi diventato reddito di cittadinanza. E’ perciò vero che il reddito viene percepito in Campania e nel Sud Italia in percentuale maggiore rispetto al Nord, ma non penso né che possa condizionare il voto né che sia un disincentivo al lavoro nella nostra regione. Se ci sono dati in tal senso allora dobbiamo inserire la possibilità per i percettori di mantenere una parte del sussidio nel caso in cui trovino un impiego. L’accompagnamento al lavoro è una necessità di cui bisogna discutere, ma parliamo comunque di una misura necessaria di contrasto alla povertà, che ricordo a tutti che non è una colpa. Dati Istat confermano che nel 2020 grazie al reddito di cittadinanza e di emergenza si è evitato che circa un milione di cittadini arrivasse sotto la soglia della povertà assoluta”.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy