Seguici sui Social

Cronaca

Va dai carabinieri per una denuncia con la droga nel borsello: arrestato dopo la fuga

L’incredibile storia di un pregiudicato stabiese. Il 27enne ha ingerito la cocaina ed è stato ricoverato

Pubblicato

il



Va dai carabinieri per una denuncia e viene arrestato per possesso di droga dopo aver tentato la fuga. E’ l’incredibile storia che vede protagonista un pregiudicato stabiese.

Tardo pomeriggio a Castellammare e Salvatore Riccio, 27enne del posto già noto alle forze dell’ordine, entra nella caserma della locale compagnia per sporgere una denuncia. Ad attenderlo il militare di servizio che lo fa accomodare. L’uomo, come da prassi, deve prendere il proprio documento da consegnare al Carabiniere prima di “formalizzare” la querela e apre il borsello che ha con sé. In quell’istante il militare nota che oltre al documento il 27enne custodisce anche qualcos’altro. Nel marsupio infatti c’è un involucro e sembra proprio essere la tipica “dose”. Per il carabiniere la richiesta è quanto mai spontanea e scontata: “Cosa c’è nel cellophane?”.
A quel punto la reazione del 27enne è immediata e per un certo verso assurda. Di scatto tenta di scappare. Esce dall’ufficio denunce inseguito dal militare e si invola verso l’uscita per l’improbabile libertà. All’ingresso, manco a dirlo, 2 carabinieri che avevano da poco terminato il proprio turno. Tra urla e un vaso di ceramica rotto, il 27enne tenta di dimenarsi e prende a calci e pugni i tre carabinieri che alla fine riescono a bloccarlo.
L’uomo però non si arrende e mette in bocca quell’involucro. I Carabinieri allertano il 118 che trasferiscono l’arrestato al pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo. Lì Riccio fortunatamente sputa l’involucro – al cui interno c’erano 2,2 grammi di cocaina – per poi essere dimesso senza giorni di prognosi. Giorni di cure mediche invece per i tre carabinieri, 10 a testa per le contusioni riportate.
L’arrestato è stato sottoposto ai domiciliari in attesa di giudizio e risponderà di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Politica

Il centro antico cade a pezzi, ancora un crollo

Vede un palazzo abbandonato di largo Caporivo

Pubblicato

il


Crollo nel centro antico e notte di paura. Da un palazzo abbandonato di largo Caporivo si sono staccati dei massi che hanno fatto temere il peggio. Anche perché in quella zona sono parcheggiate decine di auto, anche se non autorizzate.
Si tratta solo dell’ennesimo crollo in un centro antico sempre più abbandonato. È di questi giorni la notizia della prossima pubblicazione del bando da 7 milioni per la riqualificazione del centro storico grazie ai fondi Pnrr. Se ne occuperà Invitalia a gestire le procedure di gara.

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica