Seguici sui Social

Politica

“Italia, la nave più bella al mondo”. Giorgia Meloni ricorda il Vespucci, veliero made in Stabia

Un pezzo di Castellammare nel discorso di insediamento della premier

Pubblicato

il

Giorgia Meloni

C’è un pezzo di Castellammare nel discorso di insediamento di Giorgia Meloni. La premier ha ricordato l’Amerigo Vespucci, il veliero Made in Stabia varato nel regio cantiere di Castellammare nel 1931. La Giorgia nazionale ha paragonato la “nave più bella al mondo” all’Italia. A dare all’Amerigo Vespucci, l’unità navale più anziana in servizio nella Marina Militare, la definizione di “nave più bella del mondo” fu la portaerei americana Uss Indipendence nel 1962. Incrociandola in mezzo al mare ne chiese l’identità, alla risposta “Nave scuola Amerigo Vespucci, Marina Militare Italiana” l’Indipendence rispose con tre colpi di sirena in segno di saluto e la replica “siete la nave più bella del mondo”. A quell’incrocio in mare ha fatto riferimento Giorgia Meloni: “Sappiamo che la nostra imbarcazione, l’Italia, con tutte le sue ammaccature, rimane ‘La nave più bella mondo’, per riprendere la celebre espressione usata dalla portaerei americana Independence quando incrociò la nave scuola italiana Amerigo Vespucci. Una imbarcazione solida, alla quale nessuna meta è preclusa, se solo decide di riprendere il viaggio”.
Daniele Di Martino


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com