Seguici sui Social

Politica

Luminarie natalizie, Castellammare rischia di rimanere al buio

Caro bollette e autorizzazioni a rischio, la città potrebbe restare senza le luci di Natale

Pubblicato

il

Luminarie

Sant’Antonio Abate farà luminarie eco-sostenibili, Gragnano sta mettendo in moto la macchina organizzativa delle luci di Natale. Castellammare di Stabia rischia di rimanere al buio. E non solo perché l’impianto di illuminazione cittadino fa ormai i capricci da anni, ma anche perché di iniziative per il Natale sul fronte delle luminarie non se ne intravede nemmeno l’ombra. A Palazzo Farnese difficilmente si penserà di impegnare fondi per le luci d’artista in salsa stabiese. Mentre ci sarebbe buona parte dei commercianti disposti a sobbarcarsi i costi delle luminarie, come ogni anno, nonostante il caro energia che sta affossando la categoria. Un problema potrebbe essere l’autorizzazione del Comune a poter installare le luci di Natale. L’amministrazione concederà il via libera ai commercianti? Questo è il dubbio. In caso contrario non ci sarebbero né le luminarie del Comune (oppure una versione davvero minimal) né quelle dei negozianti stabiesi. È il risultato sarebbe quello di un Natale al buio. Così ancora una volta i cittadini di Castellammare saranno obbligati a raggiungere i comuni limitrofi per respirare un po’ il clima natalizio.
Daniele Di Martino


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com