Seguici sui Social

Politica

Maxi-schermo per la festa scudetto del Napoli: il Comune spende 20mila euro

Pubblicato

il

scudetto

Ventimila euro per la festa scudetto del Napoli. O meglio ancora per l’installazione di due maxischermi sull’arenile di Castellammare di Stabia. E’ quanto è stato impegnato dal Comune per l’evento del 4 giugno, quando è programmata la festa ufficiale per la vittoria scudetto. Palazzo Farnese ha affidato alla ditta Di Paolo di Pompei l’installazione di due maxi-schermi da tre metri per sei, da posizinare nei pressi della banchina di zi Catié, per una cifra vicina ai 18mila euro. A questo bisogna aggiungere il compenso per il professionista che ha approntato il piano per la sicurezza, per la modica cifra di 2500 euro.

Si superano quindi i ventimila euro, soldi che dovrebbero rientrare (tutti o parzialmente questo non è ancora chiaro) dalla Città Metropolitana. Castellammare è infatti stata individuata come una delle città della provincia per ospitare la festa del Napoli, con l’obiettivo di non far riversare tutti i tifosi nel capoluogo partenopeo.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.