Seguici sui Social

Politica

Oltre 4mila pratiche di condono inevase, il Comune cerca professionisti esterni

Pubblicato

il

condono

Condoni edilizi, il Comune cerca professionisti esterni per evadere le migliaia di pratiche in giacenza. Sono ancora tanti i fascicoli aperti e molti non ancora istruiti. Circa quattromila pratiche che l’amministrazione comunale di Castellammare di Stabia vorrebbe evadere avvalendosi di tecnici esterni. Per questo ha avviato una ricerca per individuare esperti con l’obiettivo di formare un elenco da cui attingere per l’affidamento di incarichi finalizzati alla definizione delle residue pratiche di condono edilizio, presentate ai sensi della Legge n.47 del 28 febbraio 1985 e della Legge n.724 del 23 dicembre 1994, nonché ai sensi del Decreto Legislativo n.269 del 30 settembre 2003.

L’inserimento nella Short List non comporta, in nessun caso, alcun diritto da parte del candidato ad ottenere l’affidamento degli incarichi oggetto del presente avviso pubblico. L’incarico dovrà essere assunto e portato a termine dal professionista incaricato, iscritto all’Albo professionale di appartenenza, ritenuto personalmente responsabile assumendo al pari dei dipendenti pubblici qualifica di pubblico ufficiale.

Le domande dovranno pervenire entro il 5 luglio, per la prima scadenza per la formazione della short list.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.