Seguici sui Social

Cronaca

Pedalata per dire no al tunnel di Varano: in queste condizioni la montagna può franare

Pubblicato

in



Iniziativa del gruppo Gli Amici della Filangieri che dedicano la X edizione del “E Mò Pedala” per dire No al tunnel di Varano

Castellammare di Stabia. L’associazione Gli Amici della Filangieri che da diverso tempo è impegnata a sensibilizzare la città all’impiego di una mobilità sostenibile scende in campo per dire No al Traforo di Varano che ospiterà il secondo binario EAV della linea Castellammare – Torre Annunziata. La manifestazione questa volta sarà per esprimere il proprio dissenso all’opera e a spiegare alla cittadinanza cosa sta avvenendo a via Grotta San Biagio.

“Siamo contrari all’opera in atto, non solo per la scarsa partecipazione dei residenti e delle associazioni (ambientaliste e tecniche) nel processo decisionale di cui manca una narrazione veritiera, ma anche (soprattutto) per motivi archeologici e ambientali” – scrivono sui social e lanciano l’allarme. “Di fatto, eseguire un traforo nella collina di Varano (un ammasso di terreno argilloso) è un serio pericolo ambientale in quanto il rischio di frane aumenterebbe vertiginosamente a discapito, soprattutto, di chi vive in prossimità di quei luoghi. La vicinanza ai siti archeologici quali villa Arianna e villa San Marco comporterebbe un grave danno alle strutture senza considerare la possibilità di eventuali ritrovamenti importanti per il patrimonio culturale stabiese. Inoltre, da sempre favorevoli ad una mobilità alternativa, non riteniamo necessario e utile per la collettività un simile lavoro. Sono svariati gli ambiti in cui intervenire quando parliamo di mobilità come l’incremento e l’efficienza del trasporto pubblico, con percorsi e orari che riescano a venire incontro alle più disparate esigenze di collegamento centro-periferia; ammodernamento dei mezzi di trasporto su gomma che possano garantire l’accesso autonomo a tutte e tutti; la riapertura e rivalorizzazione di Stazione Terme (piuttosto che trasformarla in un b&b); una pista ciclabile che possa attraversare l’intera città offrendo di fatto un’alternativa economica e sostenibile alle quattro ruote.Post fata resurgo. Quando una città può considerarsi morta affinché possa risorgere? Ora è il momento di agire affinché possa farlo”.

Cronaca

Castellammare. Docente positiva al Coronavirus

Pubblicato

in

Una docente dell’istituto Alberghiero risultata positiva al tampone

Castellammare di Stabia. Potrebbe essere a rischio l’apertura dell’anno scolastico per l’istituto Raffaele Viviani (Alberghiero ndr) di Castellammare di Stabia per una docente che sarebbe risultata positiva al Coronavirus. La notizia si apprende da fonti scolastiche. I sindacati già avrebbero richiesto una riunione urgente per cercare di capire come gestire l’apertura della scuola agli alunni giovedì. Intanto la questione si sposta sulla rete dei contatti della donna.

A contatto con la docente risultata positiva oltre ai colleghi e alla dirigenza ci sarebbe stato tutto il personale ATA nel corso di una riunione tenutasi 4 giorni fa. Nessuna delle persone venute a contatto con la donna sarebbero state avvisate delle misure di contenimento e precauzione da mettere in atto così come previste dai protocolli. La docente ha scoperto di essere positiva dopo aver accusato sintomi riconducibili al Coronavirus e si è sottoposta a test che ne ha confermato la positività.

 

Continua a leggere

Trending