Seguici sui Social

Cronaca

Traforo di Varano, rilievi alla “grotta” apparsa nella montagna

Pubblicato

in



Questa mattina in cantiere sono arrivati i tecnici del comune, dell’impresa che sta svolgendo il disboscamento, i carabinieri forestali e la polizia municipale

Castellammare di Stabia. Dopo diversi esposti al Tribunale di Torre Annunziata la Procura vuole fare chiarezza sul cantiere nei pressi della stazione EAV di Via Nocera. Questa mattina intervento delle forze dell’ordine sull’area di cantiere dove è in corso un’opera di disboscamento, propedeutica ai lavori di realizzazione del traforo di Varano con il secondo binario che collegherà la stazione EAV di Castellammare di Stabia a Torre Annunziata.
Questa mattina una pattuglia di carabinieri della sezione Forestale, gli agenti della polizia municipale, il comandante dei vigili Alfonso Mercurio, tecnici comunali, alla presenza dei responsabili dell’impresa, hanno fatto una serie di rilievi sul cantiere ai piedi delle ville romane dell’antica stabiae. I carabinieri forestali hanno anche effettuato un sopralluogo anche nei pressi della bocca di una grotta apparsa nella montagna, durante i lavori, e poi occultata con delle sterpaglie. Questo cunicolo potrebbe condurre nella Stabia romana e quindi in alto verso Villa Arianna oppure in basso nella Stabia medievale a Grotta San Biagio. I lavori in corso sarebbero solo propedeutici all’insediamento del cantiere che, secondo fonti municipali, non potrebbe ancora avviarsi perchè mancherebbe l’autorizzazione della Città Metropolitana di Napoli e l’ulteriore votazione in consiglio comunale. Intanto l’attenzione dei cittadini e di diverse autorità politiche resta alta. La Procura della Repubblica ha ricevuto diversi esposti e vuole fare chiarezza, forse anche questo uno dei motivi del blitz delle forze dell’ordine.

“Se partono i lavori, le ville potrebbero crollare”

E’ l’allarme lanciato dall’Associazione WWF Terre del Tirreno. “Se dovessero – si legge in una nota – partire i malaugurati lavori di sbancamento della collina, la soprastante Villa Arianna e la sottostante Grotta San Biagio sarebbero a rischio crollo a causa delle incessanti vibrazioni. Manco a farlo apposta i due gioielli d’arte stabiese si trovano l’uno sopra l’altro. Grotta San Biagio è uno straordinario ipogeo paleocristiano situato a quattro metri di profondità mentre
Villa Arianna è una domus d’otium del I secolo avanti Cristo ubicata trenta metri più sopra!
Dalla Grotta, prima che diventasse una basilica, si estraeva il tufo per le ville sovrastanti raggiungibili attraverso viottoli che mettevano in contatto le due strutture. In seguito al terremoto dell’80, la collina di Varano fu soggetta ad alcuni smottamenti e per consolidarla si procedette a una colata di cemento che se, da una parte, ne preservò la staticità dall’altra ne distrusse botteghe e stradine. A fine giugno, nell’area soggetta a sbancamento, è riemersa una misteriosa galleria che potrebbe condurre nella Stabia romana e quindi in alto verso Villa Arianna oppure in basso nella Stabia medievale a Grotta San Biagio.
Se partissero i lavori del traforo di Varano, le trivellazioni metterebbero a serio rischio la staticità dei due monumenti. È opportuno puntualizzare che Grotta San Biagio, quarant’anni dopo il terremoto dell’80, è ancora puntellata lungo l’intero perimetro e le sue pitture, che spaziano dal VI al XV secolo, non reggerebbero all’aggressività delle trivelle”.
emidav

Cronaca

Coronavirus, oggi in Campania 295 nuovi casi. E’ la prima regione in Italia per nuovi positivi

Pubblicato

in

Campania prima regione d’Italia per positivi 

In Campania sono 295 i casi positivi al Coronavirus nelle ultime 24 ore: mai un numero così alto da inizio pandemia. Si registrano anche un decesso e 144 guariti. A comunicarlo l’Unità di crisi della Regione. I contagi salgono a 12.169 e i deceduti a 461. I guariti in totale sono 5.968 e i tamponi effettuati 584.072, di cui 5.592 eseguiti ieri.
Con questo numero la Campania è la prima regione in Italia per numero di nuovi positivi nelle ultime 24 ore. A seguire il Lazio (+211), Veneto (+183) e Lombardia (+119). Nessuna regione a zero casi, la più basse è  la Valle d’Aosta con un nuovo contagio. Mentre segnalano vittime nelle 24 ore Lazio (3), Toscana (3), Lombardia (2), Puglia (2) e una ciascuna Liguria, Campania, Sicilia, provincia di Trento, Abruzzo e Sardegna. Il numero delle persone attualmente positive aumenta di 705 unita’ (ieri +1.025), e supera quota 50mila: sono 50.323. Nuovo balzo dei ricoveri: quelli in regime ordinario sono 131 in più (ieri +100), e salgono a 2.977, mentre le terapie intensive crescono di 10 unità (ieri +7), 264 in tutto. Infine, 47.082 pazienti sono in isolamento domiciliare.

Continua a leggere

Trending