Seguici sui Social

Cronaca

Covid: ritardi di 15 giorni per gli esiti dei tamponi. La FSI-USAE chiede di analizzarli al San Leonardo

Pubblicato

in



La Federazione Sindacati Indipendenti rinnova l’invito ad attrezzare il laboratorio del San Leonardo all’analisi dei tamponi Covid

di Stabia.  “Visto che ad oggi i tempi di attesa per la risposta ad un tampone Covid arrivano anche a quindici giorni con ripercussioni sociali, familiari e lavorative per i pazienti e visto il crescente numero di tamponi chiediamo di impiegare il laboratorio di analisi dell’ di ”. A chiederlo con una nota è la Federazione Sindacati Indipendenti che interviene sull’emergenza Covid rinnovando la propria proposta rispetto l’analisi dei tamponi. “Così potremmo – scrivono – fronteggiare e risolvere in tempi brevi questa problematica che affligge un territorio ad elevata intensità con un numero di abitanti che arriva ad oltre 800mila. “Chiediamo valutazioni urgenti circa la possibilità di attrezzare il laboratorio dell’ospedale stabiese considerando che da Sorrento al Nolano quasi la totalità sono processati nel laboratorio dell’ospedale di Nola” con il supporto dell’Istituto Zooprofilattico di Portici.

Pubblicità

Cronaca

Castellammare. Si dimette l’assessore Scafarto

Pubblicato

in

Si è dimesso l’assessore alla mobilità Gianpaolo Scafarto

di Stabia. L’assessore alla mobilità Gianpaolo Scafarto si è dimesso dall’incarico a «seguito del rinvio a giudizio disposto oggi dalla Corte di Appello di Roma – si legge in un comunicato – ho deciso di rimettere la mia carica di assessore nelle mani del Sindaco». L‘assessore, ampiamente criticato per il nuovo piano urbano della mobilità città cittadina, era già in procinto di essere sostituito dal Sindaco Cimmino nell’ambito del rimpasto di giunta dopo che diverse forze politiche di maggioranza ne avevano contestato l’operato.  «Il mio senso di responsabilità nei confronti delle istituzioni – prosegue Scafarto – e, ancor più, il profondo rispetto che nutro verso il Sindaco, che ha puntato su di me e mi ha sempre sostenuto sin dal primo giorno, mi impongono questa scelta che effettuo a malincuore ma con la piena consapevolezza di aver svolto sempre il mio dovere con il massimo impegno e con grande senso del dovere nella città in cui sono nato e tuttora vivo con la mia famiglia. Rispetto la decisione della Corte d’Appello, che ha ritenuto che il procedimento in questione avesse bisogno di un approfondimento dibattimentale, e sono certo che saprò dimostrare l’infondatezza delle accuse nei miei confronti in fase processuale». Ora la decisione spetta al Sindaco che dovrà accettare o rifiutare le dimissioni dell’ex maggiore dei carabinieri. Con le dimissioni di Scafarto gli assessori all’attivo diminuiscono a cinque su una giunta che prevede un numero massimo di assessori pari a sette.

Continua a leggere

DALLA HOME

Pubblicità

Trending