Seguici sui Social
PUBBLICITA


Cronaca

Sconti a dipendenti e titolari di attività penalizzate dal Dpcm di Conte: l’iniziativa di un negozio stabiese

Avatar

Pubblicato

il


PUBBLICITA

L’iniziativa di solidarietà di un negozio stabiese 

di Stabia. «Noi con voi». Si conclude così il post social di una nota attività di abbigliamento lungo il Corso Vittorio Emanuele a Castellammare di Stabia che ha pensato di offrire scontistica ed agevolazioni a tutte le categorie penalizzate dal decreto del presidente Giuseppe Conte varato la scorsa domenica nel quale impone la chiusura al pubblico per bar, ristoranti  ed attività ricettive alle 18, chiude teatri, cinema e palestre. Una situazione che ha portato a proteste in tutta Italia e anche a dove nei prossimi giorni ci sarà una fiaccolata sul Lungomare di Corso Garibaldi. «Ci sentiamo particolarmente vicini alle categorie penalizzate – Scrivono i titolari di Savastano Abbigliamento – ci riserviamo quindi di dedicare un particolare sconto ai titolari e dipendenti di attività come bar, ristoranti, pizzerie, pub, palestre, cinema e teatri, etc.. noi con voi». Un bellissimo gesto di solidarietà in una fase difficile sia dal punto di vista sanitario che economico. emidav

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

San Leonardo, Tonino Scala (LeU): “La situazione ogni giorno più drammatica. Fate presto”

Avatar

Pubblicato

il

Tonino-Scala-LEU

Gli operatori sanitari vanno tutelati e non dati in pasto al “Covid-19″.

. «La vicenda del Pronto soccorso del San Leonardo è diventata insostenibile: Fate Presto». E’ l’appello del consigliere comunale di opposizione Tonino Scala, dopo l’ennesima denuncia a firma della FIALS, sindacato dei lavoratori ospedalieri, sulle criticità dell’ospedale San Leonardo. «La situazione del Pronto Soccorso del San Leonardo si fa ogni giorno più drammatica – è il commento del consigliere Scala – e insostenibile. Ritardi incomprensibili ed inaccettabile di lavori, annunciati e mai iniziati. A questo si aggiunte le questioni a tutte note, divenute ormai croniche, che rendono tutto ancor più difficile una vicenda già di per sé tragica. Gli operatori sanitari vanno tutelati e non dati in pasto al “Covid-19″. Ancora oggi parliamo di forniture di Dispostivi di protezione individuale carenti. A questo si aggiunge l’entrata indiscriminata dei parenti che sostano vicino agli ammalati sospetti positivi senza nessuno tipo di filtraggio, che sta, questo lo dicono i dati dei contagi, alimentando un vortice che nessuno, stando alle vicende ormai note, riuscirà a fermare se non si mette un freno. Il personale è allo stremo, la dotazione organica è insufficiente e non possiamo rischiare anche di farlo ammalare. Sindaco se ci sei batti un colpo, fatti sentire. È necessario un intervento ad horas con i vertici dell’Asl e con l’assessore alla Sanità. La denuncia fatta oggi è di una gravità inaudita, non si può continuare così. Fate Presto».

Continua a leggere

Trending