Seguici sui Social
PUBBLICITA


Cronaca

Castellammare. Rapinò 92enne in casa: arrestato 23enne stabiese

Avatar

Pubblicato

il


PUBBLICITA

Il giovane immobilizzò la donna e rubo oltre 20mila euro e diversi gioielli

Aveva aggredito un’anziana sull’uscio di casa e, dopo averla immobilizzata su una sedia con l’aiuto di un complice, aveva portato via contatti e monili d’oro, chiudendo la donna in una stanza prima di abbandonare l’appartamento. A quasi quattro mesi dal raid, l’uomo è stato individuato e raggiunto nella casa circondariale di Poggioreale (dove nel frattempo era detenuto per altra causa) da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata (Napoli) su richiesta della Procura oplontina. Si tratta di un giovane 23 anni: ad eseguire l’ordinanza sono stati gli agenti del commissariato di polizia di di Stabia, città dove i fatti si sono verificati lo scorso 16 luglio. Stando alle risultanze degli inquirenti, il 23enne agendo con un complice, aveva avvicinato l’anziana mentre stava apprendo la porta d’ingresso della sua abitazione, le aveva tappato la bocca con le mani e l’aveva spinta nell’appartamento. Qui, mentre il complice costringeva la donna a sedersi su una sedia in soggiorno coprendole il viso e minacciandola di restare in silenzio, il ventitreenne si impossessava di 20.000 euro in contanti e di una quantità di monili d’oro presenti in una cassaforte posta in camera da letto, cassaforte sradicata dal muro. “Gli autori della rapina – sottolinea in una nota il procuratore della Repubblica di Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso – al fine di procurarsi l’impunità, avevano chiuso la vittima all’interno di una stanza, privandola della libertà personale ed impedendole di chiedere tempestivamente l’intervento delle forze dell’ordine”. Le indagini, che si sono avvalse dei sistemi di videosorveglianza presenti in zona e dei rilevamenti delle tracce ematiche ritrovate nei presso del muro dove era posizionata la cassaforte poi portata via, hanno permesso di risalire all’identità del giovane mentre gli agenti di polizia sono ancora al lavoro per provare a dare un nome al complice che ha agito con lui.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Dpcm, Conte insiste per un rientro a scuola il 14 dicembre

Avatar

Pubblicato

il

C’è una nuova data, anche se ancora ipotetica, per il ritorno sui banchi degli studenti. E’ quella del 14 dicembre e a farla è stato proprio il premier Giuseppe Conte durante la riunione dei capigruppo di maggioranza sul prossimo dpcm. Dieci giorni, per provare a restituire un po’ di normalità ai ragazzi, o almeno ad una parte di loro qualora il rientro non riguardasse tutti, e dar loro quello che il premier ha definito “un bel segnale”. Contrastanti, per ora, le reazioni dei partiti alla proposta, che dovrà comunque avere il via libera degli esperti del Comitato Tecnico Scientifico. Favorevole Italia Viva che chiede però trasporti adeguati, contrari gli altri schieramenti. Il dibattito in corso in questi giorni se far tornare i ragazzi nelle aule a dicembre o direttamente il 7 gennaio, dopo le vacanze di Natale, non si ferma. Non è un mistero che la ministra Azzolina voglia riportare in classe gli studenti, per quanto in modo graduale, nonostante la Commissione Ue sia dell’idea opposta e inviti addirittura ad allungare di una settimana le vacanze di fine anno. “Ci pensino bene e valutino con attenzione”, e’ l’invito al governo del presidente dell’Associazione Nazionale Presidi, Antonello Giannelli. “Capisco l’operazione simbolica – aggiunge – ma mi chiedo cosa possa accedere nei grandi centri dove i trasporti non sono pronti”. Ed è per questo che, probabilmente, si chiederà l’intervento delle Prefetture.

Continua a leggere

Trending