Seguici sui Social



Cronaca

Maltempo, frana nella notte un muro a Casola di Napoli

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Viene giù un muro di contenimento a Casola

Casola di Napoli. Intervento dei vigili del fuoco questa notte a Casola di Napoli per una frana che ha interessato la strada provinciale Casola-Lettere nei pressi dell’incrocio con Via Gesini. Un muro di contenimento si è rotto finendo sulla strada trascinando con sé detriti e terreno. Sul posto sono immediatamente giunti i vigili del fuoco e il personale del comune insieme al Sindaco Costantino Peccerillo che hanno lavorato alla messa in sicurezza dell’area e allo sgombero della carreggiata. Nessun danno a persone, in quel momento nessun veicolo era in transito. Diversi gli interventi ieri dei vigili del fuoco nel napoletano per danni causati dalle copiose piogge che hanno interessato tutto il territorio regionale e continuano a battere ancora oggi tanto che è stata prorogata per l’intera giornata di oggi l’allerta meteo dalla protezione civile della Regione Campania.


Cronaca

Maltempo, domenica di allerta meteo in Campania

Pubblicato

il

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di allerta meteo con criticità idrogeologica di livello giallo valevole a partire dalle 6 di domani mattina, domenica 24 gennaio, e valido fino alle 23.59 di domani. L’allerta riguarda l’intero territorio regionale.Si prevedono “precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio e temporale, venti forti con possibili raffiche, temporaneamente anche molto forti, mare agitato o molto agitato con possibili mareggiate lungo le coste esposte ai venti su tutto il litorale”. La Protezione civile della CAMPANIA raccomanda alle autorità competenti “di porre in essere tutte le misure atte a prevenire, mitigare e contrastare i fenomeni previsti sia in odine al rischio idrogeologico che in ordine ai venti forti o molto forti e al moto ondoso che potrebbe determinare mareggiate, anche in linea con i Piani comunali di protezione civile”. Si segnala infine “la necessità di attivare il monitoraggio del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del mare”.

Continua a leggere