Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare. Oggi riapre Villa Arianna, resta ancora chiusa Villa San Marco

Pubblicato

il


Castellammare di Stabia. Villa Arianna riapre al pubblico. Il gioiello dell’area archeologica di Stabia riaprirà ai visitatori dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 17.00 (ultimo ingresso alle ore 15.30). A renderlo noto è il Parco Archeologico di Pompei che ha garantito il rispetto delle prescrizioni anti-contagio, con particolare attenzione alla misurazione della temperatura, all’uso dei dispositivi di protezione ed al rispetto del distanziamento fra i visitatori. Resta ancora chiusa Villa San Marco fino a nuove disposizioni. Bisognerà ancora attendere per visitare l’altra villa romana sulla collina di Varano.

LEGGI  Blitz all'Acqua della Madonna, il bilancio dell'operazione

Cronaca

GRAGNANO | Revocato lo sciopero dei netturbini

Pubblicato

il

In accordo con le sigle sindacali, è stato revocato lo sciopero programmato inizialmente il 25 febbraio 2021 nelle città di Afragola, Gragnano, Ercolano, Nola, San Giorgio a Cremano. “La Buttol Srl ringrazia le parti sociali per aver intrapreso un nuovo percorso condiviso, fondato sulle politiche di rigore e di rispetto delle regole, portate avanti dall’Azienda senza alcuna esitazione – fa sapere l’azienda- Il nuovo management della Buttol Srl, con in prima linea il direttore generale Avv. Gerardo Calabrese, l’ing. Francesco Iacotucci e il dott. Luca Di Monte, coordinati dal presidente del Cda Gen. Franco Mottola, ha intrapreso un nuovo percorso nelle relazioni sindacali nel solco della legalità già tracciato.
Oltre ai diversi aspetti operativi e relativi alla sicurezza sul lavoro, è stata dichiarata tolleranza zero verso i dipendenti ritenuti «infedeli» che danneggiano l’immagine non solo dell’azienda ma anche dell’intera categoria.
Discorso diverso per Torre del Greco, i cui dipendenti non hanno revocato lo sciopero per motivi legati alla retribuzione accessoria e non dovuta per contratto. Per evitare le 24 ore di astensione dal lavoro, i lavoratori chiedono più bonus e la revoca degli ultimi licenziamenti per giusta causa. Su questo fronte la Buttol non arretrerà di un millimetro: chi si macchia di reati e causa un danno all’Azienda e al Comune di appartenenza non riceverà sconti”.

Continua a leggere