Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, entro fine settimana le prime assunzioni per gli ex Meb

Pubblicato

il


Oggi riunione tecnica al Ministero dello Sviluppo Economico

Castellammare di Stabia. Entro fine settimana Vescovini assumerà i primi ormai ex operai della Meridbulloni. E’ quanto emerge dal tavolo tecnico sul futuro delle maestranze stabiesi che quest’oggi si è tenuto al Ministero dello Sviluppo Economico. A renderlo noto è la Deputata stabiese Carmen Di Lauro con una nota. “Questa mattina anche noi parlamentari del comprensorio – spiega Di Lauro – siamo stati invitati al tavolo con l’imprenditore Alessandro Vescovini che ha fatto sapere di voler partire con le assunzioni già da fine settimana. Dopo settimane di buio ecco la luce per gli ormai ex operai Meridbulloni. Ora – prosegue – resta da trovare un’area dove poter costruire il sito industriale. Su questo è al lavoro il Comune di Castellammare di Stabia e la Regione che stanno valutando varie ipotesi. Ovviamente la nostra attività non si ferma, il percorso e lungo e la politica, come ha già saputo dimostrare, farà la sua parte. L’auspicio è che la collaborazione tra tutti i livelli istituzionali e l’intera sfera politica non si fermi qui. Il bene della collettività, la tutela di chi è in difficoltà e i problemi del nostro territorio non hanno colore politico”.
Resta però da sciogliere ancora il nodo area su cui far sorgere il capannone per la nuova fabbrica dopo l’anno di formazione a Monfalcone. Sarebbero almeno quattro le aree individuate di cui due sul territorio stabiese. A lavoro c’è il Comune di Castellammare di Stabia e la Regione Campania. Occorre un’area di almeno 10mila metri quadrati. Intanto le opposizioni hanno chiesto al presidente Ungaro la convocazione di un Consiglio Comunale monotematico “al fine di partecipare costruttivamente, come opposizione, nell’individuazione del percorso migliore per tutelare gli interessi dei lavoratori e con essi quelli dell’intera città di Castellammare di Stabia”. E’ la richiesta dei consiglieri comunali Francesco Nappi (M5S), Francesco Iovino (PD), Tonino Scala (Leu), Antonio Di Martino (IV) e Giovanni Nastelli (Uniti per Stabia): “La chiusura della Meridbulloni – scrivono – mette ulteriormente a rischio i livelli occupazionali nella città di Castellammare di Stabia. Il processo di transizione che al momento si sta delineando con la manifestazione di interesse dell’imprenditore emiliano Vescovini, potrebbe determinare una delocalizzazione del sito produttivo con inevitabili ripercussioni economiche per la città, per questo motivo, ritenendo necessario coinvolgere tutti gli stabiesi in un percorso trasparente e partecipato”.


Cronaca

Operazione ad alto impatto dei Carabinieri: controlli a Castellammare e dintorni

Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Operazione ad alto impatto in serata da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli con il supporto dei militari della Compagnia di Castellammare di Stabia. Controlli straordinari a Castellammare di Stabia e dintorni volti alla repressione di fenomeni di illegalità diffusa e rispetto delle norme anticovid comprendenti le ordinanze sindacali e ministeriali per la prevenzione e la diffusione del contagio. L’operazione iniziata in prima serata è tutt’ora in corso e coinvolge alcuni quartieri della città di Castellammare di Stabia ritenuti “sensibili” e comuni limitrofi. I controlli dei militare proseguiranno per tutta la notte. Questa operazione fa il paio con quella di alcuni giorni fa condotta dai militari dell’Arma che ha coinvolto l’area Vesuviana e che ha portato all’elevazione di diverse sanzioni amministrative e denunce oltre  ad un arresto di un 60enne per spaccio di droga. I risultati saranno noti nella mattinata di domani.

Continua a leggere