Seguici sui Social

Cronaca

Gragnano, terapia del dolore. Reparto intitolato a Biagio Galizia

Pubblicato

il


Terapia del dolore e delle cure palliative dell’ospedale di Gragnano. L’Asl Napoli 3 Sud intitola la struttura dal Dr. Biagio Galizia

Ieri, 16 febbraio 2021, presso l’aula formazione dell’ospedale di Gragnano è stato ricordato il dottor Biagio Galizia, medico anestesista dell’Asl Napoli 3 Sud, scomparso prematuramente circa un anno fa.

La cerimonia, molto partecipata da parenti e amici pur nel rigoroso rispetto delle norme anticovid, è stata l’occasione per intitolare, attraverso l’apposizione di una targa, il reparto di terapia del dolore e delle cure palliative dell’ospedale di Gragnano che Galizia coordinava e cha ha contribuito a creare.

Una struttura che proprio grazie alla competenza, all’esperienza, alla dedizione di Biagio Galizia è oggi un fiore all’occhiello per la sanità campana. Un luogo in cui si offrono metodi all’avanguardia per ridurre le sofferenze dei malati anche grazie a cure domiciliari che evitano, soprattutto in questo momento, tanti rischi.

Al ricordo hanno partecipato i familiari, tanti colleghi medici e infermieri. Tra questi la dottoressa Rosalba Santarpia coordinatrice sanitaria dell’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia, il dottor Carmine Coppola epatologo ed amico personale.

Particolarmente significativo l’intervento della dottoressa Angela Improta, direttrice del servizio relazioni con il pubblico dell’Asl Napoli 3 Sud che ha illustrato come l’intero lavoro di indagine sulla qualità percepita dai pazienti in assistenza domiciliare integrata è dedicato proprio al compianto Biagio Galizia come ringraziamento per il prezioso contributo offerto nella prima fase dell’indagine. Un ulteriore riconoscimento per la professionalità e l’umanità del professionista.

LEGGI  Caos Dc, Coda spegne le polemiche: «La Democrazia Cristiana la rappresento solo io»

Cronaca

Covid, Terzigno primo comune dell’area vesuviana a proclamarsi zona rossa

Pubblicato

il

carabinieri-generico

Terzigno. Stretta sugli assembramenti a Terzigno, comune dell’area vesuviana, nella settimana tra il 22 e il 28 febbraio, si è registrata un’incidenza di nuovi positivi per 100mila abitanti pari a 589,2, a fronte del dato complessivo dell’intera Campania pari a 227,81. Il sindaco Francesco Ranieri ha firmato un’ordinanza per far fronte alle “numerose segnalazioni di persone, e in particolare minori, che sostano in prossimità di esercizi commerciali o in piazze e strade, prive dei dispositivi di protezione prescritti”. L’ordinanza dispone, da venerdì 5 a domenica 21 marzo, il “divieto di stazionare e fermarsi nelle piazze e strade cittadine dalle ore 5 alle ore 22, salvo che per motivate e comprovate esigenze lavorative o di studio o situazioni di necessità o per motivi di salute, ovvero per la necessità di usufruire di servizi non sospesi”. Analogamente, viene disposto il divieto di fumare e consumare bevande in piazze e strade dalle 5 alle 22 e il divieto di circolazione, per tutto l’arco della giornata, di automobili con a bordo più di due persone non conviventi. Coprifuoco per i minorenni dalle 18 alle 22 se non accompagnati da un maggiorenne convivente. Nell’ordinanza si invita inoltre tutti i cittadini “a non uscire di casa, fatto salvi i casi assolutamente indispensabili”, e i genitori “a vigilare affinché non consentano ai figli minorenni l’accesso in strade e luoghi pubblici senza essere accompagnati da un adulto e per comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità”. Ranieri, in un post su Facebook con il quale annuncia l’ordinanza, spiega: “Ho cercato fino alla fine di evitare il pugno duro confidando sempre nella mia comunità che si è sempre contraddistinta in precedenza. Purtroppo i numeri non ci danno ragione.

Continua a leggere