Seguici sui Social



Cronaca

Castellammare, colpo ai D’Alessandro. I NOMI DEGLI INDAGATI

Pubblicato

il

Castellammare


Castellammare di Stabia. Avevano deciso di uccidere il pentito Francesco Belviso (poi morto in carcere due anni fa per una grave malattia) e per questo avevano delegato Umberto Cuomo a scoprire il nascondiglio segreto.

E’ questo uno dei spacciati più inquetanti che emerge dall’inchiesta Domino Bis contro il clan D’Alessanddro che alle prime luci del giorno di oggi ha fatto fatto scattare un blitz a Castellammare con l’emissione di 16 misure cautelari su richiesta del pm Giuseppe Cimmarotta della Dda di Napoli.Sono complessivamente 21 gli indagati. L’inchiesta fa un quadro delle attività criminali del clan fino al 2019 e pone al centro figure storiche come Sergio Mosca ‘o vaccaro consuocero del defunto padrino e fondatore del clan Michele D’Alessandro ma anche del nipote Giovannone D’Alessandro e Antonio Rossetti o’ giappone, Nino Spagnuolo capastorta, lo storico imprenditore del clan ovvero Liberato Paturzo detto cocò ma anche Umberto Cuomo, Raffaele Vitale, Vincenzo De Gregorio ma anche il giovane nipote del boss ovvero Luigi D’Alessandro di 23 anni figlio di Pasquale primogenito di Michele.

Dalle indagini emerge che Luigi D’Alessandro aveva il compito di convocare le vittime di estorsione per condurle al cospetto del nonno Sergio Mosca nel parcheggio delle Nuove Terme. Nelle indagini ci sono episodi di estorsioni, usura, traffico di sostanze stupefacenti, detenzione di armi.

 ECCO I 21 INDAGATI

1BARBA Carmine nato a Castellammare di Stabia il 11.08.1979 IN CARCERE

2BIONDI Luigi nato a Castellammare di Stabia il 17.03.1954  INDAGATO

3CUOMO Umberto nato a Castellammare di Stabia il 09.07.1957  IN CARCERE

4CUOMO Michele nato a Castellammare di Stabia il 06.09.1984 INDAGATO

5D’ALESSANDRO Giovanni nato a Vico Equense i l16.09.1972  IN CARCERE

6D’ ALESSANDRO Luigi di Pasquale nato a Castellammare il 07.08.1998  IN CARCERE

7DE GREGORIO Vincenzo nato a Castellammare dì Stabia il29.11.1946  INDAGATO

8DELLE DONNE Francesco nato a Castellammare il 13.05.1982 IN CARCERE

9GAMBARDELLA Antonio nato a Gragnano il 07.01.1989 INDAGATO

10 GARGIULO Vincenzo nato a Castellammare di Stabia ill3.01.1986 INDAGATO

11 IZZO Giovanni nato a Castellammare di Stabia il 26.07.1973 IN CARCERE

12LONGOBARDI Antonio nato a Castellammare di Stabia il31.03.1979 IN CARCERE

13MOSCA Sergio nato a Castellammare di Stabia il23.05.1958 IN CARCERE

14PATURZO Liberato, nato a Castellammare il 09.07.1960 IN CARCERE

lSROSSETTI Antonio nato a Castellammare di Stabia il22.12.1973 IN CARCERE

16SCHETTINO Sabato nato a Castellammare di Stabia i126.08.1983 INDAGATO

17SPAGNUOLO Ettore nato a Castellammare di Stabia il 19.02.1972 IN CARCERE

18SPAGNUOLO Nino nato a Castellammare di Stabia il12.04.1977 IN CARCERE

19TITO Maurizio Alfonso nato a Castellammare di Stabia il 17.06.1988 IN CARCERE

20VITALE Raffaele nato a Castellammare di Stabia il 04.03.1961 INDAGATO

21VOLLARO Ciro nato a Castellammare dì Stabia ìl2 0.06.1980 INDAGATO


Cronaca

Castellammare, violazione norme anticovid: chiuso bar in centro. E’ il quarto in 24 ore

Pubblicato

il

Castellammare

Continua l’ondata di chiusure per violazione delle norme anticovid

Castellammare di Stabia. Gli agenti della polizia municipale, sezione commerciale, agli ordini del comandante Antonio Vecchione e coordinati dal Tenente Donato Palmieri nel corso di controlli anticovid alle attività commerciali hanno sanzionato e chiuso un bar a Via Amato nel centro cittadino. Oggetto della sanzione è la vendita con modalità di asporto dopo le 18, quindi oltre orario consentito. Scattata la sanzione amministrativa e la chiusura di cinque giorni come disposizione accessoria.

LEGGI ANCHE:
Castellammare, operazione Alto Impatto dei carabinieri: chiuso un bar, due denunce e 9 sanzioni violazioni anticovid

E’ il quarto bar in città chiuso per violazione delle disposizioni anticovid in meno di 24 ore. Questa mattina è toccato ad un bar chiuso dai carabinieri nell’ambito di controlli ad Alto Impatto in città. emidav

Continua a leggere