Seguici sui Social

Politica

Esordio «diesel» della nuova giunta, la città già rimpiange «la giunta dei trombati»

Pubblicato

il



Castellammare di Stabia. «Bisogna dargli il tempo». Ancora. La voce si leva da Palazzo Farnese, come a giustificare la partenza «diesel» della nuova giunta politica. E’ trascorsa una settimana, ma dei nuovi assessori ancora nessuno batte un colpo. Eppure sono in pochi alla prima esperienza. Ma i primi sette giorni della giunta Cimmino bis sono scivolati senza particolari sussulti. Tre soli provvedimenti tecnici sono stati approvati nel primo giorno di lavoro (sabato scorso!). Delibere licenziate «alla cieca», ereditate dalla «giunta dei trombati». Ma ora la priorità sembra il bilancio preventivo, che la nuova squadra di governo deve portare in consiglio comunale entro il 31 marzo, salvo ulteriori proroghe da parte del dipartimento della funzione pubblica del ministero dell’interno.

E la città già rimpiange la «giunta dei trombati», quella uscita di scena una settimana fa (ad esclusione del riconfermato Fulvio Calì).  Una squadra di tecnici che evidentemente riusciva ad andare oltre le beghe politiche di Palazzo. Ora la giunta dei «nuovi» sembra ancora ingessata dai nuovi posizionamenti politici. E ora sarà una corsa contro il tempo approvare il bilancio e portarlo in consiglio comunale, dove le insidie sono dietro l’angolo e i numeri della maggioranza potrebbero assottigliarsi.

Daniele Di Martino


Politica

Castellammare, LeU e PD chiedono l’istituzione del parco urbano delle acque

Pubblicato

il

I due partiti di opposizione presentano un ordine del giorno

Castellammare di Stabia. «Realizzare il parco urbano delle acque». E’ quanto chiedono Liberi e Uguali e Partito Democratico attraverso un ordine del giorno presentato dai consiglieri Scala e Iovino. «Abbiamo presentato un Ordine del Giorno che impegna il Consiglio Comunale a richiedere al Consiglio Regionale la possibilità di riaprire i termini affinchè la nostra città possa presentare la necessaria documentazione per la realizzazione del Parco Urbano delle Acque. Ad 11 anni dall’emanazione della Legge Regionale è stato perso fin troppo tempo, Castellammare ha tutte le caratteristiche per vedere realizzato uno strumento che insieme alla tutela veda la promozione della nostre risorse. La città di Castellammare di Stabia ha tutte le caratteristiche previste dal regolamento. Un’assoluta straordinarietà e particolarità che non ha eguali nel panorama nazionale e internazionale: in un tratto ben limitato geograficamente e urbanisticamente sgorgano 28 sorgenti con caratteristiche chimiche ed organolettiche ben differenziate. Questo in una fascia di territorio collocata tra Piazza Fontana Grande e La sorgente del Muraglione, comprendendo Via B.Brin e le strade limitrofe, Via Visanola, le antiche Terme, le sorgenti Madonna e Acetosella e la stessa Via Acton».

LEGGI ANCHE:
Castellammare, volontari della parrocchia ripuliscono Piazza Fontana Grande

Continua a leggere