Seguici sui Social


Politica

Forza Italia va allo scontro col Pd: “Mandati a casa due sindaci per affari privati”

I berlusconiani replicano a muso duro agli attacchi del Partito Democratico

Pubblicato

il


“Hanno mandato a casa due sindaci in quattro anni per i loro ‘affari privati’ e oggi, sentite bene, vengono a darci lezioni di governabilità. Hanno devastato la città e l’economia per anni e adesso remano contro chi sta davvero lavorando per il rilancio del territorio”. Così i consiglieri comunali del gruppo di Forza Italia di Castellammare di Stabia a sostegno del sindaco Gaetano Cimmino in risposta alla nota siglata dal “Pd cittadino”.

“Non possiamo certo accettare lezioni di moralità – hanno continuato i consiglieri Fi – da questi soggetti. Basta ricordare che nel momento in cui il centrodestra era all’opposizione non ha mai fatto mancare il numero legale in aula. Stiamo parlando di un ‘Pd cittadino’ completamente inutile e assente. Nei tre anni dell’amministrazione Cimmino hanno fatto pervenire una ed una sola proposta in merito al Documento di Orientamento Strategico (Dos) che peraltro la maggioranza ha accolto.

I ‘professori’ che non hanno nemmeno la decenza di sottoscrivere la nota del ‘Pd cittadino’ dovrebbero continuare a studiare anziché blaterare. Noi rispettiamo ed onoriamo, a differenza di chi ci ha preceduto, le istituzioni ed i luoghi ad esse deputati. L’art. 73 comma 1 del D. L. n. 18 del 17 marzo 2020, che definisce le modalità di esecuzione dei consigli comunali in videoconferenza, ha consentito agli Enti locali di derogare alle disposizioni regolamentari, prevedendo espressamente la possibilità di svolgerle in videoconferenza da remoto previa adozione di criteri e misure da parte dei presidenti delle assemblee.

Abbiamo dato ancora una volta come centrodestra una grande prova di maturità prorogando di una settimana il consiglio comunale per dare anche all’opposizione la possibilità di presentare emendamenti di cui, per inciso, sei non hanno avuto il parere di regolarità contabile da parte del dirigente del Settore. Studiate, studiate, ne avete bisogno. I cittadini sapranno sempre la verità che voi cercate di manipolare”.


Pubblicità

Politica

Il Pd mette alle strette il sindaco Cimmino: «Progetti fermi per l’ascensore del Solaro e parcheggio di Pioppaino»

Il Partito Democratico imputa al primo cittadino l’immobilismo sulle grandi opere: «E’ il momento di fare delle scelte»

Pubblicato

il

«E’ ora di finirla, è giunto il momento che l’amministrazione comunichi in maniera chiara ed inequivocabile cosa intenda fare con gli interventi previsti sul nostro territorio». Il Pd stabiese chiede chiarezza sui progetti futuri della città e definisce il sindaco Gaetano Cimmino come uno che «pensa di essere il padrone della città».
Si parte dalla querelle legata al sequestro del cantiere Eav per chiedere lo stato dell’arte di tutte le opere finanziate e ferme al palo: «Sulla vicenda EAV ci sarebbe bisogno di buon senso, di coerenza ed onestà intellettuale ed invece ci troviamo da più di dieci giorni a dover assistere ad uno spettacolo indecoroso che mortifica la città e mette un freno agli interventi di sviluppo già finanziati ed appaltati. Una vicenda che sta prendendo una piega che ha del ridicolo. Non entriamo nel merito del sequestro del cantiere, sarà compito degli organi e degli uffici preposti a dare risposte, ma continuiamo a chiederci se l’atteggiamento di Gaetano Cimmino non sia lesivo degli interessi futuri della città. La spavalderia con la quale vengono fatte pubbliche dichiarazioni ci lasciano sconcertati. La nostra città ha bisogno di interventi che ne favoriscano lo sviluppo, di uno sguardo lungo sulle questioni e di tempi certi».

E allora il Pd formula una serie di domande al sindaco Cimmino: «Cosa ne sarà delle opere pubbliche finanziate dalla regione e che servono a migliorare e mettere in sicurezza e in collegamento diversi punti della città? Che ne sarà della messa in sicurezza dei costoni prospicienti la tratta ferroviaria? Che ne sarà dei parcheggi da realizzare a Pioppaino e sulla collina del Solaro? Ed il collegamento pedonale tra Via Grotta San Biagio e Villa Arianna? E l’ascensore che collegherà la stazione Centro con la collina del Solaro? Grazie alle progettazioni degli anni scorsi riusciremo ad avere nei prossimi mesi un parcheggio su due livelli per circa 130 posti auto su Viale Europa e nel prossimo anno termineranno i lavori per la nuova stazione Castellammare Scavi. Gli investimenti che la Regione Campania sta mettendo in campo per la nostra città non possono essere persi, la programmazione che, grazie al lavoro delle precedenti amministrazioni in sinergia con il governo regionale, deve essere portata a termine. Non possiamo bloccare il futuro di Castellammare per le pretestuose e strumentali (personali?) prese di posizione di chi pensa di essere il padrone della città e non il suo primo servitore».

dadimar

Continua a leggere

Trending