Seguici sui Social


Politica

L’inutile visita del ministro del Turismo: solo baci e abbracci alle Terme

Stampa non invitata all’incontro con il ministro Garavaglia

Pubblicato

il


Un incontro buono solo a scattare foto e a scambiarsi baci e abbracci. Che poi in tempi di Covid è parecchio rischioso. In sostanza, la visita del ministro del turismo si è rivelata un nulla di fatto. Una passerella per pochi eletti, a parte la doverosa presenza di cariche istituzionali.

Fa discutere non poco la visita del ministro Massimo Garavaglia a Castellammare, nei siti più importanti e cruciali per lo sviluppo della città. Una «capatina» a Marina di Stabia non poteva mancare, poi alla Reggia di Quisisana e infine alle Antiche Terme. Ma non è dato sapere quali sono i progetti del ministro, dal momento che ha scelto di puntare su Castellammare, a sentire i supporters leghisti. E quindi su cosa punta il ministro? Nemmeno questo è dato saperlo. Perché nella sua visita privata-istituzionale la stampa non è stata invitata, quindi non ha potuto fare domande. Ha avuto soltanto la possibilità di pubblicare un comunicato stampa della segreteria provinciale della Lega. E basta. Un inutile comunicato stampa che annuncia e fotografa soltanto la presenza del ministro a Castellammare. Niente di più.

E invece le domande da porre al ministro sarebbero state tante. Partendo dal rilancio del termalismo, su quali risorse dirottare per valorizzare la fascia costiera, su quali interventi il governo è disposto a investire. Ma solo foto, baci e abbracci.

Daniele Di Martino


Pubblicità

Politica

Vaccinati mille disabili in tre giorni. Antonio Coppola: «Accelerata decisiva per la campagna vaccinale»

Il responsabile dell’Asl Napoli 3 Sud: «Assicurata una copertura alle fasce più deboli e ai loro familiari»

Pubblicato

il

Mille vaccini in tre giorni. Grazie al protocollo d’intesa sottoscritto tra l’Unità operativa anziani fragili-demenza e tutte le strutture residenziali per pazienti fragili dell’Asl Napoli 3 Sud, è stato possibile accelerare la campagna vaccinale. Nei giorni di mercoledì, giovedì e venerdì sono state effettuate le somministrazioni a circa mille tra disabili e i rispettivi familiari.
A coordinare le operazioni il dottor Antonio Coppola, che guida per conto dell’Asl Napoli 3 la fase operativa della campagna vaccinale. L’Azienda sanitaria si è fatta carico della parte organizzativa e formativa del personale in forza alle strutture residenziali, fornendo tutto il materiale e il supporto informatico utile alla registrazione dei vaccini sulla piattaforma regionale. L’unità guidata dal dottor Coppola ha preventivamente formato il personale attraverso webinar, mantenendo il collegamento in videoconferenza anche durante le operazioni di somministrazione dei vaccini.
«E’ un importante passo in avanti per la campagna vaccinale – dichiara Antonio Coppola – In pochi giorni abbiamo assicurato una copertura alle fasce più deboli e alle loro famiglie, come ha voluto il presidente De Luca e come disposto dalla direzione strategica dell’Asl Napoli 3. In questa fase è decisiva la cooperazione con le strutture sanitarie private, così da dare un’accelerata decisiva alla campagna vaccinale».

Continua a leggere

Trending