Seguici sui Social

Politica

Sedici milioni di debiti Asam, il Tar “salva” per ora Palazzo Farnese

Bocciato il ricorso per far rientrare il debito nel dissesto finanziario

Pubblicato

il

sedici milioni di debiti asam

Il Tar salva per il momento il Comune di Castellammare. I sedici milioni di debiti dell’Asam, l’azienda che prima di Gori gestiva il servizio idrico, non finiranno nel calderone del dissesto finanziario. L’azienda aveva proposto un ricorso contro la decisione dell’organismo di liquidazione. Anche se si tratta di debiti antecedenti al 2012, l’Osl aveva respinto le richieste non ammettendo l’azienda speciale alla massa passiva. Una decisione assunta dopo aver chiesto un parere alla Corte dei Conti e un legale esterno. Per la magistratura contabile il Comune non poteva ripianare le perdite e quindi nemmeno i 16 milioni di debiti dell’Asam, azienda che un tempo gestiva l’acqua pubblica e che nel 2008 ha dovuto cedere tutti i servizi alla Gori (nonostante le resistenze del Comune e una lunga battaglia giudiziaria). L’azienda in liquidazione ha proposto ricorso al Tar, ma per il momento i giudici amministrativi non si sono espressi, dichiarando il reclamo inammissibile. Toccherà infatti al giudice ordinario esprimersi. Ma almeno per ora il Comune non dovrà accollarsi i debiti Asam.

dadimar


Pubblicità

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com