Seguici sui Social

Cronaca

Aggressione omofoba a Castellammare, sit-in dell’Arcigay davanti al Comune

Le associazioni LGBT si sono date appuntamento per sabato 13, ore 17, in piazza Giovanni XXIII per chiedere di incontrare il Sindaco ed avviare un dialogo per combattere l’odio omotransfobico


Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Sit-in delle associazioni LGBT sotto al Comune per chiedere «di essere ricevuti in delegazione dal Sindaco per affrontare un percorso franco e concreto in città contro l’odio omotransfobico». A dirlo è in una nota è l’associazione Pride Vesuvio Rainbow dopo una una violenta aggressione ai danni di una giovane coppia di ragazzi omosessuali sul lungomare di Castellammare di Stabia.

La manifestazione è stata programmata a seguito di assenza di interlocuzione con il Sindaco. «Prima informalmente e successivamente attraverso formale PEC, giorno 27 ottobre, abbiamo chiesto un urgente incontro al Sindaco. Da allora – scrive l’associazione in una nota – nessuna notizia, silenzio, un assordate silenzio istituzionale. Lo stesso silenzio contro il quale ci siamo imbattuti lo scorso 17 maggio, quando di fatto non è stata concessa la possibilità di poter affiggere in città un manifesto in occasione della Giornata mondiale contro l’omotransfobia prodotto dagli alunni e della alunne dell’Istituto Luigi Sturzo di Castellammare, manifesto previsto da un progetto, voluto da Città Metropolitana di Napoli e realizzato da Antinoo Arcigay Napoli, in collaborazione con l’Istituto Sturzo e con il supporto proprio del Comune di Castellammare di Stabia. Il manifesto riportava una frase che pare non sia stata “gradita” all’amministrazione e scelta dai ragazzi e della ragazze dello Strurzo: “non esistono etichette, esistono persone pronte ad amarsi fra loro. Non sei sbagliato, sei come sei”. Oggi la non affissione di questo manifesto fa ancora più male, proprio perché sembrerebbe che i due ragazzi aggrediti lo scorso fine ottobre a Castellammare non abbiano avuto il coraggio di denunciare perché avrebbero avuto paura di poter raccontare liberamente il proprio amore. Non possiamo accettare oltre modo il silenzio, soprattutto quello delle Istituzioni democratiche, per questo le associazioni LGBT del territorio, Pride Vesuvio Rainbow di Torre Annunziata, DROP di Vico Equense e Antinoo Arcigay Napoli hanno convocato per sabato 13 novembre dalle ore 17, presso il Comune in Piazza Giovanni XXIII a Castellammare, un sit-in di contro l’omotransfobia e per essere ricevuti dal Sindaco Gaetano Cimmino.

LEGGI ANCHE:
Castellammare, aggressione omofoba in Villa. Starace: «Serve un atto di condanna dell’Amministrazione. Pronti ad iniziative inclusive»


Continua a leggere

Cronaca

Covid, ancora tanti i positivi a Castellammare. Muore una donna non vaccinata

Pubblicato

il

CAstellammare

Castellammare di Stabia. Ancora alto l’indice del contagio a Castellammare di Stabia con positivi che si aggirano ad oltre le cento unità. Il dato lo si apprende da fonti qualificate ASL. Nella giornata di ieri è anche deceduta una donna, 53enne, non vaccinata. Era ricoverata da due settimane all’ospedale Cotugno di Napoli per complicazioni dovute proprio al virus e non si era vaccinata.

In Campania aumenta il tasso di contagio e ricoveri per il Covid. Dai dati del bollettino quotidiano dell’unità di crisi regionale emerge che sono 1.325 i positivi su un totale di 31.268 test per un tasso del 4,23 contro il 3,69 di ieri. Un morto, i ricoverati in intensiva restano 22 come ieri mentre i ricoverati nei reparti ordinari sono 330 contro i 322 di ieri.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica