Seguici sui Social

Cronaca

Bar trasformato in sala giochi senza alcuna autorizzazione: il Comune ordina la chiusura

Stop forzato per un locale di via Enaudi dopo un controllo della polizia di Stato

Pubblicato

il



Un bar diventato sala giochi in assenza di autorizzazioni. Il Comune ordina lo stop al locale su disposizione del commissariato di polizia. E’ stata notificata al titolare dell’esercizio commerciale di via Enaudi l’ordinanza di chiusura, motivandola con la trasformazione dell’attività senza comunicarlo agli uffici comunali. In particolare, nell’ordinanza, si evidenzia che il proprietario “effettuava la riduzione della superficie di vendita, la riduzione del settore merceologico dell’attività di Bar, effettuando abusivamente, all’interno di detti locali, l’attività di sala giochi, nonché alterava lo stato dei luoghi, effettuando una diversa distribuzione degli spazi interni da come indicato in planimetria all’atto di presentazione della S.C.I.A., senza effettuare l’obbligatorio aggiornamento della stessa”.

Del caso se ne erano occupati gli agenti della polizia di Stato. In seguito al sopralluogo, la dirigente del commissariato, richiedeva al comune di “emettere l’ordinanza di cessazione dell’attività e contestuale annullamento della S.C.I.A. di esercizio di BAR”.

Sono stati poi accertati anche lavori abusivi “che hanno portato ad una diversa distribuzione degli spazi interni e più in particolare, alla realizzazione di un nuovo locale costituito da bagno e
antibagno”.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Gragnano, contributo di 10mila euro per apertura di nuove attività in città

Fondi per nuove attività in città, la misura prevista dall’amministrazione D’Auria

Pubblicato

il

Gragnano

Gragnano. Un contributo a fondo perduto di 10mila euro per incentivare l’apertura di nuove attività sul territorio comunale di Gragnano. E’ quanto predisposto dall’amministrazione guidata dal Nello D’Auria. I contributi saranno assegnati sulla base della presentazione di una domanda da parte dei soggetti beneficiari e il contributo si avrà in base ad un punteggio conseguibile attraverso una serie di premialità in funzione dell’attività svolta, del luogo ed età del richiedente. A renderlo noto è il Sindaco della città della pasta con un post social spiegando il bando.

In funzione della tipologia di attività, si avranno 5 punti per Attività Enogastronomiche – Produzione e Somministrazione di Alimenti e Bevande Tipiche del Territorio -Gelaterie Artigianali – Panetterie – Vinerie e/o Enoteche – Pizzerie a Taglio e/o Friggitorie – Bed & Breakfast; 4 punti per Attività di promozione del territorio; 3 punti per Attività artigianali – Commercio.

Ulteriore premialità in funzione dell’ubicazione dell’attività: 2 punti per nuove attività site nel centro storico e nei borghi storici. In funzione dell’età del richiedente sarà assegnato 1 punto per i progetti presentati da Under 40 e zero punti per gli Over 40.

La formazione della graduatoria sarà effettuata:
– sulla base dei punteggi;
– sulla base delle priorità di data di arrivo delle domande;
– sulla base della minore età del richiedente.

Dopo l’avvenuta approvazione della graduatoria ed entro il termine di 90 (novanta) giorni, dovrà essere trasmessa la documentazione che attesti l’avvenuta costituzione della personalità giuridica.

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica