Seguici sui Social

Politica

Spiagge, i consiglieri di Forza Italia attaccano l’opposizione: “Sono in campagna elettorale”

Pubblicato

il

Spiagge

Castellammare di Stabia.  Arriva la risposta del gruppo di Forza Italia al flash mob organizzato dall’opposizione sulla proposta di lottizzare e privatizzare oltre il 60% del litorale stabiese da Marina di Stabia alla Villa Comunale. “Il centrosinistra è già in campagna elettorale e inizia a fare la conta dei consensi con flash mob e gazebo, strumentalizzando un provvedimento che non parla minimamente di privatizzazioni. Il mare è di tutti e resterà di tutti”. Lo si legge in una nota a firma del Capogruppo di Forza Italia, Salvatore Gentile e dei consiglieri forzisti Rosa Esposito, De Filippo e Lucarelli. “Ancor più quando un dirigente, guarda caso nominato all’epoca dall’amministrazione di centrosinistra, invia una proposta di delibera di consiglio comunale in commissione senza essersi prima confrontato con l’attuale amministrazione che governa il Paese. – prosegue il gruppo consiliare di Forza Italia – Ancor più quando il provvedimento di cui trattasi è ancora in fase di discussione in commissione, e vogliamo ricordare alle minoranze che le commissioni comunali sono il luogo in cui viene fatto l’esame preliminare di tutti gli atti di competenza consiliare e in cui ogni consigliere può esprimere il proprio assenso o dissenso a un provvedimento e definire le scelte di indirizzo amministrativo con proposte adeguate, e non con flash mob. Piuttosto voglio chiedere ai sottoscrittori della proposta di flash mob: chi ha concesso le aree demaniali ai privati nel corso degli anni? Chi ha permesso le speculazioni di cui oggi tutti i cittadini sono vittime? – conclude il gruppo consiliare di Forza Italia – Il Piano Spiagge ci consentirà di mettere ordine nel caos che ha regnato per decenni su corso De Gasperi e ci permetterà di garantire più servizi ai cittadini, che avranno accesso libero alle spiagge: pulite, attrezzate e senza abusivi. Regolamentare il litorale è il punto di partenza per uno sviluppo del territorio. Basta con le bugie, basta con le speculazioni. Noi vogliamo aiutare il territorio compiendo finalmente quelle scelte che per troppo tempo sono rimaste chiuse nei cassetti e hanno portato alla paralisi del territorio e della sua vocazione turistica. Castellammare è mare, è turismo, è cultura. Noi ci crediamo”.

LEGGI ANCHE:
Flash mob sull’arenile per scongiurare la privatizzazione delle spiagge


Clicca per commentare

Rispondi

Politica

ELEZIONI | La stabiese Carmen Di Lauro (M5S) rieletta alla Camera, flop Tina Donnarumma (Lega)

Eletta all’uninominale di Somma Vesuviana

Pubblicato

il

Spiagge

Elezioni politiche, salgono a due gli stabiesi eletti alla Camera. Dopo l’attore Gaetano Amato, anche Carmen Di Lauro sbaraglia la concorrenza e vince l’uninominale del collegio di Somma Vesuviana. Con quasi il 35% Di Lauro batte Marta Schifone di Fratelli d’Italia.
C’è un’altra stabiese che non ce l’ha fatta. Tina Donnarumma raccoglie poco più del 20% nel collegio di Acerra, vinto sempre dai Cinque Stelle. Ma in questo caso il centrodestra arriva terzo, dietro al candidato di centrosinistra Paolo Siani, fratello di Giancarlo, giornalista de Il Mattino ucciso dalla camorra.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy