Seguici sui Social

Cronaca

Il comitato Scavi di Stabia chiede la riattivazione della tratta FS Castellammare-Gragnano

L’appello al Ministro Franceschini per valorizzare e rilanciare la storica tratta ferroviaria fino a Portici e Pietrarsa

Pubblicato

il

Scavi di Stabia

Castellammare di Stabia. Il “Comitato per gli scavi di Stabia fondato nel 1950” apprende con favore le parole odierne del ministro sul recupero del patrimonio ferroviario nazionale, utilizzando i 435 milioni di euro stanziati dal ministero della Cultura, in collaborazione con la Fondazione FS italiane e realizzati tramite Rete Ferroviarie Italiana. A termine dell’intervento sarà possibile far circolare i treni che permetteranno di nuovo ai viaggiatori di scoprire scorci panoramici da anni non più visitati in alcuni luoghi simbolo del nostro Paese. Il progetto rientra nel piano di promozione del turismo lento che mette in connessione le ferrovie storiche, i cammini e le ciclovie.

Tra le tratte che saranno riattivate c’è anche la linea che tocca la Campania “Gioia del Colle-Altamura-Rocchetta Sant’Antonio-Lacedonia” sospesa nel 2016.
Come ribadito più volte dal ministro della Cultura, Dario Franceschini “Il potenziamento delle linee ferroviarie storiche, dei cammini e degli itinerari culturali saranno fondamentali per lo sviluppo e la valorizzazione in chiave culturale delle aree interne”.

Il “Comitato per gli Scavi di Stabia fondato nel 1950”, come ha già avuto modo di fare durante la fase di consultazione per la redazione del Piano strategico del Grande progetto Pompei, ribadisce la necessità di inserire in questo processo di recupero del patrimonio storico ferroviario la tratta Portici-Castellammare di Stabia-Gragnano, tra le più antiche d’Italia, inserendola nel percorso di visita dei siti archeologici di Ercolano, Oplontis, Pompei e Stabiae e creando un’opportuna integrazione con il servizio già attivo dell’ArteBus Pompei realizzato da Scabec ed Eav d’intesa con il Parco archeologico di Pompei e la Regione Campania.

Ci auguriamo che i commissari prefettizi dei Comuni di Castellammare di Stabia e di Torre Annunziata, anche alla luce delle complesse vicende che hanno riguardato le due città, valutino l’opportunità di compiere passi significativi nella direzione della tutela e valorizzazione della ferrovia, fondamentale infrastruttura di sviluppo, e d’intesa con il Comune di Gragnano considerino la proposta di riattivazione della storica tratta ferroviaria a servizio dello sviluppo turistico archeologico, ambientale ed enograstronomico, in linea con il voto espresso dalla Camera dei deputati il 21 dicembre 2021 di approvazione di un ordine del giorno che ha chiesto di inserire la tratta ferroviaria da Castellammare di Stabia a Gragnano tra le 18 in disuso, in tutta Italia, da riattivare per i collegamenti in zone di pregio turistico.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Gragnano, investe un pedone e si schianta contro l’albero

Pubblicato

il

Scavi di Stabia

Investe un pedone e si schianta contro un albero. È successo poco dopo le 6 di questa mattina a Gragnano, in via Castellammare, dove ad avere la peggio è stato un pedone. Un uomo che stava attraversando la strada ed è stato travolto, poi soccorso e trasportato al San Leonardo. Per fortuna le sue condizioni non destano preoccupazione.

In corso gli accertamenti dei carabinieri per capire l’esatta dinamica.

Continua a leggere

Cronaca

Perde il controllo della moto, schianto nella notte in via Brin

Pubblicato

il

Scavi di Stabia

Perde il controllo della moto e si schianta. Il bilancio è di due feriti, uno in serie condizioni.

Questa notte i Carabinieri della sezione radiomobile di Castellammare di Stabia sono intervenuti in Via Brin per un incidente stradale. Un 18enne, in sella alla sua moto insieme ad un coetaneo, avrebbe perso il controllo del veicolo cadendo rovinosamente a terra.
Entrambi sono stati portati al San Leonardo di Castellammare. Il 18enne alla guida è ricoverato in prognosi riservata, l’altro è stato dimesso con una prognosi di 2 giorni.
Indagini in corso per chiarire dinamica.

Continua a leggere

Cronaca

Treno Circum deraglia nella galleria di Pozzano

Pubblicato

il

Scavi di Stabia

Un treno Circum deraglia nella galleria di Pozzano. Corse cancellate e tecnici a lavoro per ripristinare la circolazione. È accaduto nella serata di oggi e non ci dovrebbero essere feriti, anche perché a bordo del treno Napoli-Sorrento c’erano pochi passeggeri visto l’orario serale.
Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco, polizia e i carabinieri. I tecnici dell’Eav ora sono al lavoro per consentire al convoglio di ritornare sui binari e consentire la ripresa della circolazione sulla tratta Napoli-Sorrento.
L’Eav ha fatto sapere che “persiste l’interruzione della circolazione nella tratta tra Castellammare e Vico Equense, pertanto a partire da inizio servizio del 27.1.23 la circolazione della linea Napoli-Sorrento nel tratto interessato dall’interruzione proseguirà con servizio autobus sostitutivo con fermate in prossimità delle stazioni di Vico Equense e Castellammare fino a diverso avviso”.

Continua a leggere

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.