Seguici sui Social

Cronaca

Parco dei Monti Lattari, verso il nuovo Piano: incontro con esperti e amministratori

Tecnici ed amministratori si incontreranno per discutere del futuro del territorio dei Lattari in vista della stesura del nuovo Piano del Parco

Pubblicato

il

Monti Lattari


Un pomeriggio di confronto per discutere del futuro del Parco dei Monti Lattari. Sabato 26 marzo, alle ore 15, nella Reggia di Quisisana a Castellammare prenderà il via l’appuntamento organizzato per discutere e affrontare i temi legati allo sviluppo dell’area. 
Il simposio intitolato “Monti Lattari | Il parco che vorrei”, costituisce un momento formativo e di confronto tra la comunità tecnico-scientifica ed i portatori di interesse del territorio, volto alla diffusione delle conoscenze riguardanti lo studio del territorio del Parco con una panoramica alle modalità e alle opportunità di risanamento, potenziamento, tutela e valorizzazione, ai recenti sviluppi scientifici e tecnologici nel settore ed a casi studi di successo. Tale incontro avvia un processo di aggiornamento del quadro delle conoscenze territoriali al fine di fornire le basi per la redazione di uno strumento di pianificazione attento alle mutate esigente tecnico-normative e territoriali, nel rispetto dell’ambiente e dei comparti strategici del territorio di riferimento. Stella polare sarà la tutela e la valorizzazione dell’ambiente che rappresentano un’esigenza fondamentale per assicurare il benessere e il progresso della società e del territorio. La maggiore consapevolezza dei problemi legati alla limitatezza delle risorse naturali, alla conservazione del paesaggio, al risanamento degli ecosistemi naturali e al contrasto dei fenomeni di degrado ambientale hanno molto spesso portato a politiche fortemente conservative nelle aree protette con effetti complessivi di rallentamento delle azioni di sviluppo sostenibile del territorio. L’evento sarà aperto dagli interventi di Tristano Dello Joio, Presidente Parco Monti Lattari e da Domenico Amatruda, Presidente Comunità del Parco dei Monti Lattari.

IL PROGRAMMA

15.00 Le potenzialità del Parco per una crescita socio-economica sostenibile al servizio del territorio – Mariella Verdoliva, Presidente Fondazione Monti Lattari Onlus;
15.15 Le principali sfide per il settore agri-food nell’area parco – Pietro Pentangelo, Sindaco Comune di Corbara;
15.30 Valorizzazione del patrimonio naturale ed ambientale mediante attività sportive – Luca Mascolo, Vicesindaco Agerola;
15.45 La qualità ambientale come volano per lo sviluppo sostenibile del turismo in aree protette – Peter Hoogstaden, President presso Genius Loci Travel – the real Spirit of Italy – Tour Leader & Hiking Guide presso Hik;
16.00 La pianificazione delle aree protette in Italia – Isidoro Fasolino, Docente di Urbanistica, Università degli Studi di Salerno;
16.45 Il Parco dei Monti Lattari: studio del territorio per lo sviluppo sostenibile in aree protette – Vincenzo Naddeo, Docente di Valutazione di Impatto Ambientale, Università degli Studi di Salerno;
17.00 L’ingegneria e l’architettura a servizio del nostro territorio, casi studio e buone pratiche per la sua valorizzazione Massimo Adinolfi, Ingegnere titolare di Ariastudio, Salerno;
17.15 Siti di interesse comunitario SIC, ZSC, Rete Natura 2000 nelle aree protetteSimona Brancaccio, dirigente Valutazioni e Autorizzazioni Ambientali Regione Campania;
17.30 Aspetti tecnico amministrativi per la pianificazione sostenibile nelle aree protetteLorenzo Lentini, Avv. studio legale Lentini;
17.45 Le politiche regionale di sviluppo sostenibile delle aree protetteFulvio Buonavitacola, Vice Presidente Regione Campania;
18.00 Conclusioni, discussione e saluti finali;
L’evento sarà moderato da Fiorangela d’Amora, giornalista de Il Mattino.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Castellammare. Strisce blu, sui parcometri la foto della Cassarmonica

Dopo il caso segnalato da Stabia News al posto di Amalfi e Capri arriva la foto della Cassarmonica

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. La Tmp, società che si occupa della gestione della sosta a pagamento in città, corre ai ripari e sostituisce con la Cassarmonica le immagini di Capri e Amalfi sui display dei parcometri. Dopo il caso segnalato da StabiaNews.it, che suscitò non poche polemiche che si aggiunsero anche quelle relative all’aumento dei costi, la società ha cambiato lo sfondo con una foto del monumento tra i simboli della città di Castellammare di Stabia.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, strisce blu: protesta dei residenti a Via Napoli

Non mancano i disagi ai fruitori delle strisce blu. In pratica non è possibile pagare la frazione di ora, è solo possibile pagare ogni singola ora. Quindi si può versare solamente 1 euro per un ora o 3 euro per due ore e così a seguire ogni due euro per ogni singola ora. Non è possibile, ad esempio, versare 4 euro per due ore e mezza. Sul display compare la dicitura “importo errato” annullando di fatto la transazione. Gli importi consentiti dunque, stando a quanto emerge recandosi alle colonnine, sono 1 euro (1 ora), 3 euro (2 ore), 5 euro (3 ore) e così via. Disagi anche ai commercianti costretti a spiegare agli avventori il nuovo sistema di pagamento della sosta in città.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare. Strisce blu anche a Pozzano: confermato l’aumento del grattino in centro città

 

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica