Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, strade al buio e record di furti. La Lega chiede di incontrare i commissari

Pubblicato

il

Castellammare


Castellammare di Stabia. Soltanto ieri si e consumato il furto di dieci auto. E’ la denuncia della Lega attraverso l’ex consigliere comunale Tina Donnarumma che sui social annuncia di chiedere un incontro al Commissario Prefettizio. Non solo furti di veicoli o ad attività commerciali, un altro problema che si verifica da alcune settimane sia in centro che in periferia è la mancanza di illuminazione. Una serie di guasti a cui stanno provvedendo a ripristinare i tecnici del comune di Castellammare di Stabia con non poche difficoltà per via della rete elettrica che non permette di individuare di il problema per poter poi intervenire.

«Le periferie della nostra Città sono totalmente al buio nelle ore serali e notturne da qualche giorno rendendo pericoloso in queste aree anche il transito pedonale e soltanto ieri si è consumato il furto di dieci auto che era parcheggiate in strada, tra cui la panda di un collega e caro amico che all’uscita dal lavoro è stato colto da questa spiacevole sorpresa». Scrive Donnarumma su Facebook facendo sapere che « il gruppo della Lega stabiese si muoverà celermente per chiedere un incontro al commissario prefettizio. É necessario alzare sempre di più l’asticella dell’attenzione sulla sicurezza del nostro territorio in modo che questi ed altri ignobili atti di delinquenza non possano più verificarsi».

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, due furti in due giorni per una pizzeria sul Lungomare. Indaga la polizia


Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Pingback: Castellammare, strade al buio e continui furti notturni. Il comune stanzia 40mila euro per la pubblica illuminazione | Stabia News

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Castellammare. Strisce blu, sui parcometri la foto della Cassarmonica

Dopo il caso segnalato da Stabia News al posto di Amalfi e Capri arriva la foto della Cassarmonica

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. La Tmp, società che si occupa della gestione della sosta a pagamento in città, corre ai ripari e sostituisce con la Cassarmonica le immagini di Capri e Amalfi sui display dei parcometri. Dopo il caso segnalato da StabiaNews.it, che suscitò non poche polemiche che si aggiunsero anche quelle relative all’aumento dei costi, la società ha cambiato lo sfondo con una foto del monumento tra i simboli della città di Castellammare di Stabia.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, strisce blu: protesta dei residenti a Via Napoli

Non mancano i disagi ai fruitori delle strisce blu. In pratica non è possibile pagare la frazione di ora, è solo possibile pagare ogni singola ora. Quindi si può versare solamente 1 euro per un ora o 3 euro per due ore e così a seguire ogni due euro per ogni singola ora. Non è possibile, ad esempio, versare 4 euro per due ore e mezza. Sul display compare la dicitura “importo errato” annullando di fatto la transazione. Gli importi consentiti dunque, stando a quanto emerge recandosi alle colonnine, sono 1 euro (1 ora), 3 euro (2 ore), 5 euro (3 ore) e così via. Disagi anche ai commercianti costretti a spiegare agli avventori il nuovo sistema di pagamento della sosta in città.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare. Strisce blu anche a Pozzano: confermato l’aumento del grattino in centro città

 

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica