Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, riparte oggi la sosta a pagamento in città

Da oggi scatta l’aumento in centro e la riduzione in periferia

Pubblicato

il

Castellammare


Castellammare di Stabia. Al via oggi la sosta a pagamento a Castellammare di Stabia. Dopo oltre un mese di stop dovuto all’adeguamento dei parcometri e alla colorazione degli stalli si parte con la nuova tariffazione.

Tra le novità a partire da oggi ritroviamo le strisce blu a Pozzano, aumento del grattino per le strade del centro città e riduzione nelle zone periferiche.

È quindi confermato l’aumento della tariffa sulle strisce blu, così come ampiamente anticipato dalla passata amministrazione Cimmino, che passa a due euro per ogni ora o frazione successiva alla prima lungo le seguenti strade: Via Mazzini, Piazza Giovanni XXIII, Piazza Unità d’Italia, Piazza Principe Umberto, Piazza Matteotti, C.so Vittorio Emanuele, via Gaeta, via Michetti, traversa Palazzo Terme, via del Pescatore, via U. Cafiero, traversa del Marinaro, C.so Giuseppe Garibaldi, via S.M. dell’Orto, Via IV Novembre, C.so A. De Gasperi (dall’intersezione di Piazza Matteotti all’intersezione con Traversa Mele), Via Bonito, Via Duilio. La sosta sarà a pagamento nei seguenti orari in base ai periodi dell’anno: dalle ore 09 alle 21 nel periodo dal 01 Ottobre al 31 Marzo; dalle ore 09 alle 24 dal 1 Aprile al 30 Settembre.

Tra le novità in assoluto ritroviamo inoltre le strisce blu a Pozzano lungo la SS 145, relativamente al tratto stradale individuato dal segmento viario che inizia dalla spiaggia di Pozzano (compresa) e termina alla spiaggia la Rotonda (compresa), limitatamente al periodo dal 1 maggio al 30 settembre, dalle ore 07.00 alle ore 19.00 con una tariffa di un euro all’ora.

Sosta ridotta in periferia. A Via De Gasperi, dall’intersezione da Traversa Cantieri Mercantili a via Traversa Varo, limitatamente al periodo 1 giugno – 31 agosto, dalle ore 08.00 alle ore 19.00, la tariffa oraria è fissata in cinquanta centesimi all’ora.

In totale a Castellammare sono 1350 gli stalli a pagamento(strisce blu), 1020 stalli riservati ai residenti (strisce gialle), 531 posti liberi (strisce bianche), 128 stalli per sosta disabili, 25 stalli per operazioni di carico/scarico merce e 960 posti per ciclomotori.


Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Vincenzo

    7 Maggio 2022 @ 10:52 at 10:52

    Spero che i controlli siano giusti, significando che, i negozianti ed amici di chi controlla non riparcheggiano , come solito ad un metro dell inizio strisce gialla ed alla fine, riservandosi 2 posti x i residenti per ogni corsia dei, grazie

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Castellammare, piccione si incastra in una rete e muore

Il volatile appeso alla facciata della chiesa in centro

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Un piccione morto e rimasto appeso alla facciata di una chiesa in centro. Siamo nella di Santa Maria dell’Orto lungo l’omonima strada dove alcuni passanti hanno notato il volatile penzolante e privo di vita. Il piccione è probabilmente morto dopo esser rimasto incastrato in una rete di protezione di una delle finestre dell’edificio sacro. Allertato il parroco a cui è stata richiesta la rimozione della carcassa che rischia di “volare” (doverose le virgolette ndr) giù sui passanti.

LEGGI ANCHE: 
Castellammare, lo scivolo per le barche diventa un parcheggio

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica