Seguici sui Social

Politica

Celotto, il giurista stabiese alla corte di Giorgia Meloni

Probabile incarico a Palazzo Chigi: l’uomo chiave per la svolta presidenziale

Pubblicato

il

Meloni

Uno stabiese alla corte di Giorgia Meloni. Costituzionalista, ordinario di diritto costituzionale all’università Roma Tre, uno studioso della nostra Carta tra i più apprezzati. Parliamo di Alfonso Celotto, originario di Castellammare, 56 anni. Potrebbe essere lui l’uomo su cui punterebbe la premier in pectore. Per lui sarebbe pronto un incarico ai vertici dell’apparato burocratico del nascente governo di destra. Ma vi è di più: Alfonso Celotto sarebbe l’uomo chiave per puntare alla riforma costituzionale in ottica presidenzialismo. Un qualcosa che Giorgia Meloni e i suoi alleati hanno già scritto nel programma elettorale. Celotto è tra i più apprezzati costituzionalisti e avrebbe proprio il compito di guidare l’esecutivo verso una svolta epocale.

E non è la prima volta che il giurista stabiese è chiamato. Celotto è già stato alle dipendenze della presidenza del consiglio, sia con governi di centrodestra che di centrosinistra. Ma questa volta sarebbe l’uomo chiave per portare l’Italia verso il presidenzialismo.

Daniele Di Martino


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com