Seguici sui Social

Ultime Notizie

Gragnano città della pasta, tre giorni di eventi nella capitale dell’enograstonomia | IL PROGRAMMA

Pubblicato

il

PASTA

Ricco, appassionante, divertente e coinvolgente. Questi i pillar del fitto calendario eventi a tema gastronomico e culturale di “Gragnano Città della Pasta”, la kermesse organizzata e promossa dal Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano IGP, in scena a Gragnano dall’8 al 10 settembre 2023.

Giunta alla 21esima edizione, l’attesa kermesse gragnanese presenta un calendario di eventi e attività imperdibili, dedicati alla celebrazione della Pasta di Gragnano IGP e al suo ruolo nella tradizione e nella cultura italiana. Una straordinaria rassegna che offre un’esperienza culinaria a 360° tra sapori, storia, arte e cultura e riscopre la tradizione e l’evoluzione in cucina di uno dei prodotti italiani più iconici nel mondo: la pasta.

Nei tre giorni di kermesse: chef stellati e stand food dedicati alla preparazione di ricette legate al territorio ma anche innovative e contemporanee; talk e convegni tematici per approfondire l’importanza della tutela dei prodotti alimentari e promuovere l’italianità nel gusto; visite guidate ai pastifici per scoprire la storia e le fasi di produzione della pasta gragnanese; live performance e street art per animare l’intera città e coinvolgere il pubblico nel riscoprire la tradizione e l’evoluzione della Pasta di Gragnano IGP.

Venerdì 8 settembre, dopo l’inaugurazione della manifestazione con il tradizionale e originale “taglio degli spaghetti”, seguirà la consegna del prestigioso Premio “Gragnano Città della Pasta” 2° edizione, istituito dal Comune di Gragnano, e il primo dei convegni in calendario, il talk a cura de La Cucina Italiana “La cucina italiana patrimonio di tutti: dalla buona tavola alla candidatura UNESCO” con relatori: Maddalena Fossati Dondero, Direttore della rivista La Cucina Italiana, comunità proponente della candidatura de “la cucina italiana, tra sostenibilità e diversità bioculturale” come Patrimonio Immateriale dell’Unesco; Pier Luigi Petrillo, Professore Cattedra Unesco sul Patrimonio Culturale, Università di Roma Unitelma Sapienza; Marianna Vitale, Chef del ristorante stellato Sud a Quarto (NA); e Silvia Sassone, Direttore del Collegio Culinario, associazione rappresentante delle comunità promotrici della candidatura della cucina italiana come Patrimonio Immateriale dell’Unesco.

Gragnano Città della Pasta è anche l’occasione per scoprire le meraviglie storico-artistiche del territorio circostante. In occasione della kermesse, nella suggestiva Valle dei Mulini, sarà inaugurato il Mulino Lo Monaco il cui restauro è stato realizzato dal Centro di Cultura e Storia di Gragnano e Monti Lattari “Alfonso Maria Di Nola” con l’importante contributo del Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano IGP.

Gragnano Città della Pasta vedrà anche la partecipazione di Consorzi Nazionali (Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana DOP, Consorzio Ricotta di Bufala Campana DOP, Consorzio del Pomodoro San Marzano DOP, Consorzio Tutela Grana Padano DOP, Consorzio per la tutela del Pecorino Romano DOP, Consorzio di Tutela Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP, Aprol Campania Società cooperativa Agricola) che, provenienti da diverse regioni d’Italia, arricchiranno sinergicamente l’evento, portando le loro eccellenze e raccontando con passione e orgoglio tutto il buono del nostro Paese.

Il programma dell’Hub di Gragnano Città della Pasta:

  • Venerdì 8 Settembre:

18:00 – Cerimonia di apertura Gragnano 2023

    Taglio dello spaghetto – Via Roma

18:15 – Inaugurazione e saluti istituzionali presso il Pasta Hub

    Piazza Giovanni Amendola

18:30 – Consegna del premio “Gragnano Città della Pasta” 2ª Edizione

19:00 – Talk “La Cucina Italiana patrimonio di tutti: Dalla buona tavola alla candidatura UNESCO”

                 Relatori:

  • Maddalena Fossati Dondero, Direttore della rivista La Cucina Italiana, comunità proponente della candidatura de “la cucina italiana, tra sostenibilità e diversità bioculturale” come Patrimonio Immateriale dell’Unesco;
  • Pier Luigi Petrillo, Professore Cattedra Unesco sul Patrimonio Culturale, Università di Roma Unitelma Sapienza;
  • Marianna Vitale, Chef del ristorante stellato Sud a Quarto (NA);
  • Silvia Sassone, Direttore del Collegio Culinario, associazione rappresentante delle comunità promotrici della candidatura della cucina italiana come Patrimonio Immateriale dell’Unesco.

20:00 – Showcooking – I Primi d’Italia

  • Sabato 9 Settembre:

18:00 – Convegno “MUPAG: Il museo della pasta di Gragnano, un racconto,

    un’esperienza creativa, la ricerca, documenti”

19:00 – Convegno “10 anni di pasta IGP Gragnano. A Gragnano siamo di buona

    pasta. Tre elementi, un solo luogo, un’unica arte”

19:00 – Laboratorio “Un Gioiello di Pasta”

    Dedicato esclusivamente ai bambini/ragazzi diversamente abili

20:00 – Showcooking

            Chef Antonio Ciotola

    Taverna degli Archi – Belvedere Ostrense

  • Domenica 10 Settembre:

18:00 – Convegno “Pasta e cinema: La pasta nel cinema, un’icona dell’Italia nel

    mondo. Gragnano città di pasta e cinema”

19:00 – Convegno “Progetto Alè. L’impegno di Gragnano contro il cyberbullismo”

20:00 – Showcooking

            Pastry chef Angelo Mattia Tramontano

Modera: Monica Caradonna, giornalista, conduttrice televisiva ed esperta di enogastronomia.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.