Seguici sui Social

Politica

Elezioni, Vozza chiama tutti: “Alfano, Coppola e Cuomo, costruiamo insieme il futuro di Castellammare”

Pubblicato

il

Castellammare

Una due giorni programmatica aperta per discutere della città, raccogliere le idee e avanzare proposte. E lappello lanciato nel corso della Conferenza Stampa di questa mattina dal gruppo Democratici e Progressisti. Allappuntamento elettorale di giugno si arrivi con un programma per Castellammare che sia frutto di una discussione ampia e partecipata dando il senso di una svolta politica.

Il destino di Fincantieri, la situazione della Sanità, il Puc, la criminalità, la questione legata ai rifiuti, le politiche sociali e la proposta da parte della Commissione Prefettizia di privatizzare gli asili nido i temi al centro dellincontro.

Vi sono temi dice Lello Aponte-  che per limportanza che rivestono hanno bisogno di essere portati allattenzione della città. Città che  torna al voto dopo uno scioglimento per infiltrazioni camorristiche. In questi due anni come gruppo Democratici e Progressisti siamo stati sui temi della città e vogliamo continuare a farlo avanzando proposte e discutendo nel merito.

Nessuna fuga in avanti solo linvito a fermare i giochi e a riaprire la discussione coinvolgendo il più possibile movimenti, associazioni, professionisti, mondo dellimpresa e forze sociali e sindacali.

”Fermiamoci tutti è lappello di Salvatore Vozza- e ritorniamo a discutere non ci possono essere veti preventivi. Il Pd, i partiti convochino una assise programmatica aperta alle migliori esperienze. Si chiamino a discutere Antonio Coppola, Nicola Cuomo, Antonio Alfano e i gruppi e le forze politiche che si muovono intorno a loro. Si dicaVenite e costruiamo insieme un percorso’. Non si può ignorare che il centro destra governi il paese e che in città è lavversario che ci troveremo di fronte e che da più parti viene sottovalutato. A tre mesi dal voto non cè un pezzo di carta con tre proposte. Diamo il senso di una svolta politica. Cè la necessità di cambiare passo, lappuntamento di giugno non è una questione da poco. Castellammare è stata sciolta per infiltrazioni camorristiche. La vicenda Fincantieri da sola vale una campagna elettorale ed è un pezzo di programma che va inquadrato. Una vicenda che per essere affrontata ha bisogno del confronto tra tutti a partire da quello con i lavoratori. Il Puc ormai è una sorta di illustre sconosciuto. E interesse di tutti a prescindere dalle dinamiche elettorali rimettere sui binari giusti la vicenda del PUC. Che è uno strumento per rimettere in cammino la città.  Sulla privatizzazione degli asili nido diciamo ai commissari di fermarsi. E una scelta sbagliata e che impegnerà la prossima amministrazione, lasciamo a chi sarà eletto decidere su un aspetto così delicato che coinvolge direttamente le famiglie. Sulla Sanità in attesa della realizzazione del Nuovo Ospedale non si può lasciare il San Leonardo messo in condizioni di non operare. La questione pronto soccorso, lemodinamica, la fuga del personale meritano risposte. Far funzionare bene oggi il San Leonardo darebbe maggiore forza e credibilità al progetto del Nuovo Ospedale. Serve un percorso nuovo per la costruzione di proposte condivise.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.