Seguici sui Social

Cronaca

Tunnel di Varano, la Procura acquisisce gli atti: sospetti sui permessi

Pubblicato

in



Carabinieri forestali della Stazione di Castellammare di Stabia e Procura della Repubblica indagano sui lavori di Via Grotta San Biagio

 Castellammare di Stabia. I carabinieri forestali della Stazione di Castellammare di Stabia, coordinati dalla Procura della Repubblica, stanno eseguendo una serie di indagini sul cantiere EAV di Via Grotta San Biagio dove è stata messa in atto un’opera di disboscamento della collina, ai piedi delle ville di epoca romana, per mettere in sicurezza l’area dove sorgerà il secondo binario della Castellammare di Stabia – Torre Annunziata ed il tunnel ferroviario che ospiterà la linea ferrata. Secondo le fonti ufficiali i lavori che porteranno alla realizzazione dell’opera non sono ancora iniziati. L’attività in corso sarebbe preliminare all’insediamento del cantiere. Intanto i carabinieri hanno acquisito il progetto e tutti gli atti relativi alla costruzione del tunnel. I militari, che hanno effettuato già due sopralluoghi, vogliono fare luce sui permessi, sulla modalità di esecuzione dei lavori di disboscamento che sarebbero iniziati senza il completamento dell’iter burocratico. Mancherebbe infatti un’autorizzazione da parte della città metropolitana di Napoli che sta valutando ulteriori elementi prima di dare eventualmente parere positivo all’opera. L’intera attività di indagine mira a capire se i lavori sono stati eseguiti sul rispetto delle regole e si focalizza sugli episodi degli ultimi mesi partendo proprio dall’insediamento dell’impresa che ha ricevuto in appalto il lavoro di disboscamento alle modalità di esecuzione. Intanto sulla questione pendono almeno due denunce sia da parte del Consigliere Comunale di Liberi e Uguali, Tonino Scala, unico a votare no in Consiglio Comunale e un gruppo di cinquanta cittadini guidati dall’attore Gaetano Amato preoccupati sia per i beni archeologici che per eventuali cedimenti della montagna in caso di forti piogge dovuto al taglio di tutti gli alberi.
Il caso è finito anche in Parlamento con la Deputata stabiese Carmen Di Lauro che ha scritto alla Sovrintendenza e alla Città Metropolitana di Napoli e il Senatore Sandro Ruotolo che ha presentato un’interrogazione parlamentare. Il Sindaco Gaetano Cimmino, invece, si è appellato al Governatore De Luca chiedendo lo stop dei lavori.



Cronaca

Coronavirus, altri tre casi positivi. Sale a 59 il bilancio degli attualmente contagiati

Pubblicato

in

Altri tre casi positivi a Castellammare

Castellammare di Stabia. Altri tre casi di coronavirus in città. A renderlo noto è il primo cittadino Gaetano Cimmino.  Si tratta di un 56enne, di una 37enne e di un 24enne che di recente sono stati sottoposti al tampone, il cui esito ha confermato il contagio. I tre cittadini positivi si trovano attualmente in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva. E anche a loro auguro di guarire nel più breve tempo possibile e di rimettersi in fretta. Sale a 59 il numero dei pazienti attualmente positivi in città. E l’incremento recente dei contagi conferma una tendenza piuttosto preoccupante. Da alcune settimane, infatti, si registra un flusso anomalo dei contagi. Ed è per questo che è fondamentale mantenere alto il livello di attenzione e non abbassare mai la guardia. Fa sapere il Sindaco. Una singola leggerezza rischia di arrecare danni alla salute di centinaia di persone. Occorrono maturità, pazienza e soprattutto l’assoluto rispetto delle regole, a partire dall’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto. Insieme riusciremo a superare questo momento delicato e a vincere questa sfida. Insieme ce la faremo.
Continua a leggere

Trending