Seguici sui Social


Cronaca

Coronavirus, a Castellammare positivo anche un bambino di 9 anni: sale a 130 il numero dei contagiati in città

Pubblicato

il


Aumenta il bilancio dei positivi in città

Castellammare di Stabia. Altri otto casi di positività al Coronavirus registrati a Castellammare di Stabia. A renderlo noto è il Sindaco Gaetano Cimmino. Attualmente sono 130 i positivi in città e oltre 140 le persone in isolamento domiciliare. Tra i positivi comunicati oggi spicca anche un bambino di nove anni. “Da diverse settimane – scrive il Sindaco – ormai si moltiplicano i casi di coronavirus nella nostra città, in linea con quanto accade in tutta la Regione Campania e sul territorio nazionale. La preoccupazione è tanta, ma anche la consapevolezza di poter vincere questa sfida facendo leva sul buonsenso di tutti quanti voi. Oggi più che mai è fondamentale rispettare le regole in modo impeccabile, a partire dall’uso corretto dei dispositivi di protezione e dall’osservanza delle ultime disposizioni imposte dall’ordinanza regionale e dal Dpcm. A tutti i cittadini alle prese col virus auguro di guarire in fretta e di vincere la loro battaglia col Covid. Con maturità e senso di responsabilità, riusciremo a vincere questa sfida e a debellare il virus. Insieme ce la faremo”.


Pubblicità

Cronaca

Stagionali, La Mura: «Carenza di lavoratori per compensi bassi non per Rdc. Basta sfruttamento»

Pubblicato

il

«Basta sfruttamento dei lavoratori, con il Reddito di cittadinanza libertà di rifiutare compensi bassi»

«Le polemiche sollevate da molti imprenditori sulle difficoltà a trovare lavoratori stagionali arrivano puntuali con l’avvicinarsi dell’estate. Sarebbe bene chiarire che tali difficoltà, attribuite al Reddito di Cittadinanza, stanno invece negli stipendi eccessivamente bassi che troppo spesso si attribuiscono a queste categorie di lavoratori, con orari nei fatti superiori a quelli stabiliti contrattualmente per pochi euro all’ora, come stanno dimostrando numerose e recenti inchieste giornalistiche». A dirlo è Virginia La Mura, senatrice pompeiana del Gruppo Misto. «Ritengo – prosegue La Mura – che la possibilità, data dal Reddito di Cittadinanza, di affrancarsi da questo vero e proprio sfruttamento, sia il più grande risultato della legge. La libertà di scelta di figure lavorative già di per sé precarie, molto spesso riguardanti giovani, è un traguardo importante che rappresenta il diritto fondamentale a non dover sottostare a qualsiasi richiesta pur di guadagnare qualcosa. Il governo non faccia l’errore di privare i lavoratori di questa salvaguardia, retribuzioni e ore di lavoro devono essere sempre adeguate e in linea tra loro ed è su questo che si deve intervenire, il Reddito di Cittadinanza ha bisogno certamente di essere integrato con misure che favoriscano concretamente l’inserimento di chi ne usufruisce nel mondo del lavoro, ma il suo ruolo a difesa della dignità dei lavoratori è una garanzia intoccabile. I giovani, e non solo, hanno voglia di lavorare, si sono però stancati di essere sfruttati».

Continua a leggere

Trending